• Prassi

Vuoi associarti?

Giovà e Arvà discorre de “Centru storicu, ticket e racket”

Print Friendly, PDF & Email
Frasi in casa tra moglie e marito di Alvaro Norscini
franco e ciccio Mendicanti

“Certo Giovà che non simo misti vè’ per cósa…!”

Perché Arvà?

“Come se non fosse bastatu lu teremotu… c’è statu pure lu crollu de lu cavargavia sull’autostrada che c’è scappati pure du’ morti!”

Madonna sanda Arvà!

“Ammó a Macerata, endro aprile, ce sarrà la restrizzio’ de lu trafficu e de li parcheggi drendo lu centru storicu!”

Scìne Arvà!?

“Penzavo che lu cendru fosse statu lu còre de ‘na città, penzavo che justamende fosse a beneficiu de tutti li cittadini e de tutti li forestieri che ce vène a troà’ pe’ visità’ ‘sta città… immece, a ‘stu pundu, lu Cendru Storicu non se sa più per chi adè: per chi ci sta de casa? No de sicuro! Pe’ li turisti..?”

Po’ èsse Arvà… li turisti vòle vedé’ li musei, li munumendi e le cose d’arte, però… se volèsse combrà’ ‘che cosa, leàto lo magnà, li negozzi sta chiudenno tutti e se cundinua ‘ssa pulitica lu Cendru Storicu divenderà solo ‘na sorta de museu all’aperto… tipu Pompei!

“E senza più ‘n cristià’, Giovà! Li parcheggi, de ‘sti tembi, costa ‘na vèlla cifra, lu sirviziu urbanu pure e io, finghé pòzzo, su piazza ce vaco a piedi”.

Certo Arvà… finghé putìmo caminà risparmimo…”.

“E certo Giovà… però a Macerata costa caro anghj se unu se mòe a piedi!”

Perché? Te dòle ‘n’addra òrda lu cargàgnu Arvà?

“Quillu ‘che òrda… ma lu costu è quella tassa fissa, e anghj ripetitiva, che se deve pagà’ a Macerata quanno un cittadinu scappa de casa e va a fa’ du’ passi…”.

Ma che dici, Arvà..?

“Lejo lu giornale Giovà… racket degli accattoni: i posti migliori contesi a botte! e un prete cundinua: liti anche fuori dalla chiesa, ipotesi di turnazioni per coprire la giornata”.

Hai rajó’: non se po’ mango caminà’ a Macerata!

“Defatti… vai a lu supemmercatu e ce ‘spètta lu racket; vai a pijà’ ‘n caffè ècchetene ‘n’addru; lì lu sottopassagghju è pegghjo; su la porta de la chjesa ce ne sta dui; pe’ strada te ‘cchjappa per un bracciu e te vlòcca e finghé no’ je dai ‘che ccosa non te lascia caminà’!”

E lu Cumune che dice sembre d’aécce a còre lu venessere de nuandri cittadini… che fa?

“Lu Cumune riguardo a quesso non ha deliberato cósa. Se attiene a le leggi de lo Stato!”

Ossia Arvà?

“Se non ci sta un sequestru de persona, ‘na rapina, le bbòtte o ‘na dinuncia specifica, quissi fa finda de non vedé!”

Che munnu che ha fatto divendà’… quissi!”.

 

22 maggio 2017

 

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

Statistiche

  • 4.023.332