• Prassi

Vuoi associarti?

Li vaccìni: lascia o raddoppia? raddoppia!

Print Friendly, PDF & Email
La chjacchjerata de Peppe e Gustì di Guano di Piazza
12 vaccini

Peppe: “Sta tutti a discórre de li vaccìni: tu ne sai ‘che cosa?”

Gustì: “Eh, ‘che cosa agghjo sindito scì ma a me me pare tutta ‘na faccènna de sòrdi…”.

Peppe: “Fammece capì’ ‘n bo’ pure a me. Sai… per quanno me ‘rrigherà li nepotelli… visto mai dovésse sirvì ‘che cunziju”.  

Gustì: “Mah… è tutta ‘na gran casciara: prima quilli obbligatori n’èra quattro ma a li fijòli je ne facìa per forza sei”.

Peppe: “Ma se ne èra quattro obbligatori perché je ne facìa sei?”

Gustì: “Pe’ stà’ mèjo… chj non s’è mai capito vène: se duvìa sta’ mejo li fiji o le case farmaceutiche…”.

Peppe: “Ah, adesso ‘ngumingio a capì… quanno ce sta de menzo li sòrdi…se fa’ li juchitti anghj su la salute de li fijòli!”

Gustì: “Bràu! Allora, penzo io, visto che lu juchittu j’è jitu vè’… quissi ha ‘ngarzato la dose e le dosi de li vaccìni che prima era quattro e ppo’ adè passati a sei, ogghj anziché lascia ha fatto… raddoppia! e le dosi s’è raddoppiate! A li frichì toccherà a fajene dodici”.

Peppe: “A ‘lle crature cuscì piccole? E do’ je le ttròa le chjappette pe’ faje tutte ‘sse dosi!”

Gustì: “Però a me, quello che me fa’ penzà’ adè addro…”.

Peppe: “Cioè? Che vurristi dì’?”

Gustì: “Po’ sta’ che cuscì, all’imbruisu, s’è ‘ccorti che ci sta tutte ‘sse malatìe?”

Peppe: “Ghjà… e da do’ po’ ‘esse scappate? Chj ce l’ha portate?”

Gustì: “Io ‘n’idea ce l’avrìo… ma dopo me dice tutti che so’ razzista…”.

Peppe: “Dimme, che tando io non te lo dico che sì ‘n razzista…”.

Gustì: “Mah… sai… in pochi anni adè bboccatu in Italia ‘che mijone de estracumunitari: ci-avrà portato issi le malatìe?”.

Peppe: “Razzista!”

27 giugno 2017

A 8 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali