• Prassi

Vuoi associarti?

Proverbi cingolani

Print Friendly, PDF & Email
raccolti da Sergio Matellicani
camino

‘U camì’ ‘nnanzi scàlla

rètro ‘ncènne

(Il camino davanti scalda e ale spalle si sente freddo).

 

 ‘U viziu non punitu

cresce all’infinitu

(Il vizio non punito cresce all’infinito: certe mancanze vanno  punite altrimenti mai si arrestano)

 

Ténte muru

finché ‘n te rgìro rcùlu

(Tieniti muro finché non ti giro le spalle: si usa dirlo per quei lavori fatti male e che hanno una durata breve).

 

Tantu e bè’

no’ sta scrittu nnoè

(Il fare tanto e bene non sta scritto da nessuna parte).

 

Sùlu no’ sbaja

chi no’ fa coè

(Mai fa errori chi fa nulla).

 

Se sa do’ se nasce

ma non se sa do’ se mòre

(Si sa dove si nasce ma non si sa dove si muore: si conosce l’inizio della nostra vita ma non la fine).

 

Se l’oste sta su ‘a porta

vòrdì’ che ‘o vì’ ne sa d’acitu

(Se l’oste è sull’uscio dell’osteria vuol dire che il suo vino ha il sapore di aceto: se un commerciante è fuori dal suo negozio significa che non ha molti clienti e guadagna poco – ha merce poco buona o non è un buon commerciante).

 

Scòrteca u pórge

pe’ vénne ‘a pelle

(Scortica una pulce per vendere la sua pelle: gli avari pur di guadagnare speculano pure sulle piccole cose).

26 settembre 2017

 

A 7 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali