• Prassi

Vuoi associarti?

Frasi in casa tra moglie e marito: la pista ciclopedonale

Print Friendly, PDF & Email
Nell’intimità della famiglia Arvà e Giovà scambiano quattro chiacchiere
pista ciclopedonale

L’argomento che affrontano questa volta riguarda la pista (si fa per dire…) ciclopedonale che è stata realizzata tempo fa sui marciapiedi cittadini.

 

Do’ si statu ‘sta matina Arvà?

“So’ ghjtu a fa’ du’ passi Giovà, pe’ Macerata… ma co’ ‘ssu càulu de pista ciclabile su li marciapiedi… non se camina siguri mango per cósa!”

E perché Arvà?

“Perché le viciclette te va passènno dapertutto: avandi, de jetro, a destra e a sinistra! La jende, speciarmende quilli anziani, non se sende siguri per cósa”.

Madonna Arvà…”.

“Chi ci-ha ‘na cratura per mà’ deve sta’ ‘ttendi pure loro, speciarmende che adesso lu populu de le viciclette ha pijato lu sopravvendu”.

Quasci quasci unu sta più siguru se camìna a mménzo la strada… eh Arvà?

“Scìne Giovà!”

Ma chj sarìa ‘ssu populu de le viciclette… eh Arvà?

“Adè tutti ‘ssi vardasci de colore che va caminènne pe’ Macerata co’ le viciclette… lo più de le òrde scassate e inzicure… pe’ loro e pe’ l’addri! Te li tròi da tutte le parte… penza tu che unu, l’addru jornu, ce s’è fattu tutta la piagghja de la tóre pe’ lli gnó! E lì corzo Cavùr ce bbòcca pure drendo la farmacia!”

Madonna sanda Arvà!

“Sta a sindì ch’è successo… ‘sta matina, pe’ le mura da vòra, ‘na signora de ‘na certa età me caminava davandi. Portava ‘na vórza de la spesa che je pesava e defatti ‘gni tando se la cambiava de mà’. De conseguenza la signora mendre caminava pinnìa o a destra o a sinistra. Unu de lu populu de le viciclette a l’imbruìsu me sorpassa a ‘na certa velocità… e siccome angora camìno drittu ci-ha avuto ‘na previsio’ de sorpassu… justa. Immece co’ la signora che me stava davandi ha sbajato la traiettoria balistica!”

E allora Arvà?

“La vicicletta pròa a passà’ ‘lla donna sinza cunziderà’ li passagghj de mà’ che facìa la… pedona! Defatti, mendre lu veiculu je stava quasci a paro… lu ciclista richjedende asilo se ttròa ‘na vorza de la spesa porbio davandi a la ròta sterzande…”.

E allora Arvà?

“La vorza pesande in primo ha fatto ghjrà ‘n par de ‘òte la signora su se stessa e po’ è cascato tutto per tèra! Pure la signora è cascata a sedé’ comme ‘na pupa e lu ciclista adè ghjtu a ‘ngippà’ condro ‘na panghina!”

E che s’è fatti, Arvà?

“A la donna je facìa male ‘na chjappa… la spesa je l’agghjo rcòrda tutta io, leàta la vuttija dell’ojo e lu paccu de lo sale che s’è ruttu e che, a ditta de la signora, porta pure male… lu vardasciu pure non s’è fattu cósa, leàta la paura che s’era quasci sbiangatu… la forcella de la vicicletta storta… lu frenu derèto che mangava da prima… e ogniùnu ìmo rpijato la strada nostra…”.

O Arvà… co’ la pista ciclabile sopre lu marciapiedi, lu tortu o la rajó’ chj ce l’ha? La bicicletta o lu pedó’? E tra du’ viciclette che va’ a sbatte?

Alvaro Norscini

12 dicembre 2017

 

 

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali