• Prassi

Vuoi associarti?

Quante storie per un po’ di pipì a letto… “Lu mutivu”

Print Friendly, PDF & Email
Poesia in dialetto pubblicata su “La rucola” n° 237, scritta da Mariella Marsiglia
pipì-a-letto

‘N vardascittu de le ‘limendari,

lu fiju de Fidarma e Pasqualì,

fece comme li fiji, ‘n bo’ somari,

de notte, su lu lettu, la pipì.

 

La matre ‘gna sindì come lluccava:

“Vruttu zozzó tra poco piji moje!”

je dicìa ‘rrabbiata, però penzava:

“È grannittu, ‘stu fattu non ce coje”.

 

E jette a parlà co’ l’inzegnande,

quessa lu mannò da la specialista

che comenzò un saccu de domande

comme dicìa éssa, pé seguì ‘na pista.

 

“Su dimme carinellu: ci-hai ‘na pena?

De le maestre forsce c-ì paura?

Vabbu te sgagghja tando, o te mena?

Perché pisci comme ‘na cratura?

 

Dimme, de tu fratellu sì gelusu?

Se sa, è ciucu, adè lu prifiritu.

Te tocchi lu pisellu? Sì curiusu?

De mamma vóli èsse lu maritu?”

 

“Io non saccio comm’adè successo

-désse lu vardasciu murtificatu-

sognavo tando vè’ de sta’ ner cessu

me venne da piscià, me so’ pisciatu!”

12 aprile 2018

 

A 6 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

Statistiche

  • 3.772.068