• Prassi

Vuoi associarti?

Notizie vere, curiose e divertenti: l’amore in campagna

Print Friendly, PDF & Email
Un racconto tratto dalla serie “Dicerie popolari marchigiane” di Claudio Principi
scavare una buca

Un cacciatore solitario, sul far della sera, se ne tornava stancamente verso casa percorrendo sentieri di campagna, seguito dal suo cane, diventato mogio dopo tante scorrerie a perdifiato. Questo cacciatore, avendo udito al di là di una folta siepe un rumore che, data l’ora, gli sembrò insolito, si avvicinò e vide che là dietro c’era un garzone di contadino che stava scavando una buca con il badile. Al cacciatore venne da chiedergli: “Vedo che stai a spalà’: dico a ‘st’ora e ssuscì bbuscatu, che stai a commatte? Che cerchi, lo trisoro?” (Vedo che stai a spalare: dico, a questa ora e così nascosto, che stai a combattere? Che cerchi, il tesoro?) – “No – rispose quello – ‘spètto ‘na zapparèlla, ‘na vardasciòtta…” (No, aspetto una zapparella, una ragazzotta…). “Embè, non c’è atru modu de ‘spettàlla? ‘Gna pròbbjo che ffai ‘na vùscia?” (Ebbene, non c’è altro modo di aspettarla? Bisogna proprio che fai una buca?). “Sai, me l’ha prumisto che co’ mme ce fa la ‘móre…” (Sai, me l’ha promesso che com me ci fa l’amore). “Embè, tu ‘mméce de fàcce la ‘móre, che te prepari a sotterràlla, perdìa!” (Ebbene, tu invece di farci l’amore ti prepari a sotterrarla, perdiana!). “Cerca de capì’ – fece lui strizzando un occhio – la zapparèlla adè un po’ gobbétta!” (Cerca di capire, la zapparella è un po’ gobba!).

11 giugno 2018

A 2 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

Statistiche

  • 3.704.332