• Prassi

Ogghi me sendo jó, m’è jite tutte storte… “Jornataccia d’estate”

Poesia in dialetto maceratese scritta da Urbano Riganelli pubblicata su “La rucola” n° 242 Ogghi me sendo jó, m’è jite tutte storte. Lo tristo se fa largu a A 2 persone piace questo articolo. Mi piace

Me fu ditto: Io non vengo… ‘Na rulòtte (Lu frenu a mmà)

Poesia dialettale scritta da M. Graziosi e P. Carlino pubblicata su “La rucola” n° 242 Me fu dditto: “Io non vèngo, ma tu… svérdu, va a A 4 persone piace questo articolo. Mi piace

Che te ne fai se ci-hai li quatrì… “Lu struzzì”

Poesia in dialetto maceratese scritta da Enrico Ricciardi pubblicata su “La rucola” n° 242 Che te ne fai se ci-hai li quatrì se tu l’hi fatti con A 4 persone piace questo articolo. Mi piace

Quando la sofferenza amorosa si traduce in uno “Stornello”

Una simpaticissima terzina in dialetto cingolano raccolta da Sergio Matellicani ‘U còre mia soffre per te, cumu ‘e corriere de A 4 persone piace questo articolo. Mi piace

Jó ll’ortu de sòra Ludovica… “Scioglilingua”

Raccolto dal ricercatore Giovanni Ginobili e pubblicato su “La rucola” n° 242 Jó ll’ortu de sòra Ludovica ci sta un ficu, un passuru, ‘na A 3 persone piace questo articolo. Mi piace

C’è sembre da ‘spettà’ / ‘checcosa o… “‘Spetta e spera”

Poesia dialettale di Giovanni Ciurciola, pubblicata su “La rucola” n° 241 C’è sembre da ‘spettà’ checcosa o A 4 persone piace questo articolo. Mi piace

“Mèjo puzzà’ de vì’ che d’ójo sando!” …e altro

Antiche espressioni popolari, raccolte da Ubaldo Tantalocco – prima puntata “Mèjo puzzà’ de vì’ che d’ójo sando!” Così Terè de Cirilla, mia zia Teresa, sorella di mio A 4 persone piace questo articolo. Mi piace

È la festa del Patrono… “Filastrocca di San Giuliano”

Una filastrocca che racconta la festa del Patrono maceratese scritta da Marco Angelozzi Fra qualche giorno si festeggia sta arrivando il 31 A 12 persone piace questo articolo. Mi piace

Mimì a la moje pe’ èsse ben vulutu… “La chiappata”

Poesia dialettale di ‘Ntunì de Tavarró, pubblicata su “La rucola” n° 241 Mimì a la moje pe’ èsse ben vulutu no’ gn’èra dato mai le A 3 persone piace questo articolo. Mi piace

Appunti intorno alla lingua dialettale del maceratese

A cura di Fernando Pallocchini, tratto da “Sul parlare maceratese” di Flavio Parrino Quello che non si è modificato per secoli, da 40 anni a questa parte sta cambiando in A 7 persone piace questo articolo. Mi piace

Me pare che ‘morte’ non se po’ più dì… “E tu ce cridi?”

Poesia dialettale del poeta Roberto Spaccesi pubblicata su “La rucola” n° 241 Me pare che “morte” non se pò più dì. Apri vocca e la jende se A 5 persone piace questo articolo. Mi piace

In piazza Strambi a Macerata il… pio scempio

La Basilica della Misericordia in una vecchia poesia dialettale di Flavio Parrino Te rrecòrdi comm’era, Lisavèlla, de latu a Ardòmu, la A 5 persone piace questo articolo. Mi piace

Que bella faccia, eh! Te vòjo bè… “E me facìa l’amica”

Poesia in dialetto maceratese pubblicata su “La rucola” n° 241, scritta da Elia Bonci Que bella faccia, eh! “Te vòjo bè, non piange, Rosé mia, non te A 3 persone piace questo articolo. Mi piace

Peppe, Gustì, lu Scìnnicu e lu rosariu pe’ Macerata

Il rapporto Carancini-Città non è idilliaco, per cui serve una preghiera che, però… Peppe: “O Gustì… vulìmo dì’ ‘mmoccó de rosàriu?” Gustì: “De rosàriu!?” A 11 persone piace questo articolo. Mi piace

Sòr dottore, non c’è la signorina?… “Confidenze”

Poesia dialettale scritta da Angelo Cristallini, pubblicata su “La rucola” n° 241 “Sòr dottore, non c’è la signorina?” “È uscita proprio adè ma A 3 persone piace questo articolo. Mi piace

Partner istituzionali

Statistiche

  • 3.911.582