Lu tresette criticò’

Print Friendly, PDF & Email

di Enrico Ricciardi

Busso! La vita è cara e tutto cresce

la Fava, le Cerèscie e li Visélli,

nasce sinza fatiga e vvè’ su bélli:

cresce la Carne, lo Salato e Pesce;

do’ jiarrìmo a ffinì’ se ‘n c’è rripari?

Bon giocu: ci-ò tre ddue, mino denari!

 

Speramo che li nòvi Cunziglieri

pozza rrimette a ppostu tande còse,

è vviro: sinza spine non c’è rose,

ma quisti vutticandi masnadieri,

se metta co’ lu schjoppu pe’ le strade;

bon giocu: ci-ò tré ttrè me manca spade!

 

Se vvai su ppé’ la piazza, le virdure,

chède le cindinare per ‘gni chilu.

li Scarciofi che porta più d’un pilu,

le Cipolle, le Patate e Mmele dure,

per compralle de lire ne vo’ troppe;

io ci-agghio tre assi, mino coppe!

 

Costa caro, Vino e Liquori,

l’Olio, lo Lardo, la Pasta e Sapò’,

lo Riso, Cascio, la Luce e Carbò’.

Ll’operai sta a spassu, ‘n c’è llaori;

chj laora a sbarzù, guadagna pocu;

liscio lungo, vùsso e vvolo ‘n jiocu!

 

Non parlimo de scarpe e de vistiti,

lu purittu ‘n ce ‘rrìa a campralli noi!

questo lo pò ‘ttestà’ cinquanta pròe

io lo dico perché li so’ sinditi;

dunghe questa è ‘na cosa ormae ‘ndiscussa:

busso e se tu n’hai de più, rrivussa!

 

Se per ‘sse vuttiche li cartélli

de li prézzi, ‘n c’è ccasu, ‘n ce li troi,

te poli anche dannà’ cumme che vvòi,

te la pija per cima de capilli;

e chj commanna passa da minghjoni:

liscio lungo quiss’assu de vastoni!

 

Quilli che vénne è tutti camurristi,

prima ‘n ci-aìa cosa e ss’è ‘rricchiti,

tocca lo miele e sse rlecca li diti,

tutti li cunuscìmo e l’ìmo visti,

che a fforza de rubbà’ edè signori;

conta le carte ch’io me chiamo fòri!

 

A 1 persona piace questo articolo.

Commenti

commenti