La “liguminaria”

Print Friendly, PDF & Email

di Anna Zanconi

La festa de Pignà la più sindita

se fa a ottobre, “La Liguminaria”

da tutti li paesani adè gradita.

 

Ce ‘rriga da fòri pé’ ‘ssa ricorenza

se spanne la nutizia pé’ i paesi

ce vène tutti quandi pé’ rrimbì’ la panza:

 

la parola “Liguminaria” te lo dice

se tratta de fascioli, lindicchje fave e cece

de certo no’ rtròi nisciù’ che no’ jé piace.

 

L’organizzaziò’ prepara le taverne

all’andica ‘rredate de ‘gnì cosa

su pé’ li viculitti le rtroi ‘ndèrne.

 

Le jonotte de Pignà in custume

gindili, co’ le vocche suridendi

ce fa vèlla figura lu Cumune.

 

L’odori pé’ le strade adè ‘nvitandi

pé’ prenotà’ lu pranzu fai la fila

a pappà’ vè’ jé piace a tutti quandi.

 

La mejjo giovendù ce sta ‘mbegnata

te serve co’ primura e riverenza

e sembre mejjo dela stajò’ passata.

 

Drendo ali cocci magni fascioli e cotiche

lo vino vono suli vecchié’ de Testa

finito a magnà’ non poi arzà’ su le natiche.

 

Fòri, vangarelle d’alimendari fini

te poi rportà’ a casa cece e lindicchje

e de gran qualità li mejjo vini.

 

Su-la piazza li candori de stornelli

te diverte co’ le fregnacce che racconda

stimo tutti a scordà’ comme li grulli.

 

La jende la vidi condenda sula faccia

quanno se tratta de magnà’ e bé’ se stròa

rride e ghjra finché la festa non se smorcia.

 

Un omaggio di Anna Zanconi a Leguminaria 2011, la nona edizione della rassegna che non si stanca di scoperchiare la buona tradizione e che si è appena chiusa con successo ad Appignano.

 

A 2 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti