Peppe & Gustì

Print Friendly, PDF & Email

La chjacchjerata delle lenguacce de la verità su fossi,

strade, marciapiedi, cimitero e topi di fogna

 

Peppe: “O Gustì… dimme ‘n bo’, tu ce l’hai lu fossu?”

Gustì: “Lu fossu? Che fossu? Io ci-agghjo ‘na fossa… scì, dentro le saccocce che più centesimi ce metto e più rmane sgute!”

Peppe: “E no’ scherzà’ sembre! che adè ‘na cosa seria!”

Gustì: “Dimme, dimme…”.

Peppe: “Unu de ‘ssi Enti che scappa fori solo pe’ riscote, ha mannato ‘na cartella de le tasse a tutti quilli che jò ppe’ lu campu o tunno casa ci-ha… un fossu!”

Gustì: “Un fossu?”

Peppe: “Scì, un fossu, un fussittu, un canale, ‘na canaletta, un surgu…”.

Gustì: “Un fossu… e le vusce come adè cunsiderate?”

Peppe: “Che ce rrentra adesso le vusce! Perché me lo chjedi?”

Gustì: “Perché ammò ‘sse cartelle le mannerà anche a Macerata! Ci-aìmo le strade e li marciapiedi pieni de fossi e de fosse, che sarìa le vusce!”

Peppe: “Scì, le fosse… sai allora jò lu cimiteru le cartelle che mannerà! E vojo vedelli a riscote: lagghjò dapertutto c’è… conto… estinto!”

Gustì: “Sai perché quilli de la Smea è ‘n par de orde che va tutti su lu Cumune?”

Peppe: “Pe’ protestà’?”

Gustì: “Ma vanne!”

Peppe: “Perché ha sindito a dì’ che su lu Cumune… se magna?”

Gustì: “Che devo ride..?”

Peppe: “E che te sàccio! Allora dimmelo tu che si tando sverdu!”

Gustì: “Tende forte… adè du’ orde che va su lu Cumune perché l’ha chjamati lu Scinnicu… pare che in Cunziju se sia rrimbito de… topi de fogna!”

 

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti