Li penzierini

Print Friendly, PDF & Email

di Mariella Marsiglia

A scola facìo fa li penzierini

su li sindimendi e su la Pace;

“Vidìmo ‘mbo’ fijitti – je dicìo –

chi li s fa’, chi adè capace!”

Dèsse lu primo: “La pace adè…

non dasse sembre càrgi, muccicotti

ma èsse combagni e volésse vè’

pure da vardasci e da jòenotti!”

Vène Frangè, adesso tocca a Neno!

“La pace è n celo limbidu, turchinu

e su lo menzo c’è l’arcovalenu!”

Che meravija! mò sindimo a Nino;

Ah, non vòli di’? e allora Alice,

su cocchetta ‘na frase che te piace!

“Dico ‘llo che vabbu sembre dice

quanno scappa mamma:

ecco la pace!”

 

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti