Peppe & Gustì

Print Friendly, PDF & Email

La chjacchjerata

Le lenguacce de la verità

 

Peppe: “Hi visto che casì’ jò lu Sfiristeriu? Solo lu Scinnicu je la rtène, tutti quill’atri se vòle ritirà, anghj Tonino de Pitinà…”.

Gustì: “Sinza bilangiu gnisciù fa lu sgangiu! A volé’ dì’ che non sgangia più un centesimu se, comme se dice, quissi ha ‘mmucchjato ‘n’antru milione de euri de vusciu”.

Peppe: “Defatti anghj la Fondaziò’ ogni annu cala u’ mmoccò!”

Gustì: “Ogghj me pare che simo du’ stornellatori visto che ce scappa tutte rime…”.

Peppe: “Ghjusto! Stornellatori fa rima co’… traghettatori!”

Gustì: “Traghettatori? Do’ voli ‘rrigà’ adesso?”

Peppe: “Che pe’ lu Sfiristeriu sta cerchenno un traghettatore…”.

Gustì: “Embè? A me me pare che l’ha ttroatu!”

Peppe: “A scì? E chi sarìa? Pizzi? Antinori? Graziani? Sa’ Gnulià che jò Potenza traghettava li pellegrini su le spalle?”

Gustì: “Pasqualetti!”

Peppe: “Pasqualetti?”

Gustì: “Scì!”

Peppe: “Ma chj, Renato?”

Gustì: “Porbio issu, lu traghettatore, da Macerata fino a Angona!”

Peppe: “Angona pijatutto?”

Gustì: “E scì, perché a Angona ci sta un vusciu grossu sinza funni… e siccome a Macerata ci sta un vusciu, grossu pure issu, ma co’ li funni…”.

Peppe: “Se vòle portà’ otre tutto, se pija li funni e ce lascia lu vusciu!”

Gustì: “Brau! Hi capito tutto!”

Peppe: “E li maceratesi?”

Gustì: “Se ttròa co’ un busciu sempre più grossu… a forza de pijassela ‘n der… saccu!”

 

A 2 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti