Notizie vere, curiose e divertenti tratte da “Dicerie popolari marchigiane”

Print Friendly, PDF & Email

Di Claudio Principi

 

La carestia a Montolmo

 

Sòr Andò, un proprietario terriero di Montolmo, uomo corpacciuto, ben nutrito e piuttosto arrogante, chiamò a casa sua un muratore per qualche piccola riparazione. Arrivò Gìgio de Squinquì, un ometto magrissimo dall’aria sparuta ma che ben conosceva il suo mestiere. Gìgio aveva simpatie comuniste ed era di carattere aggressivo. A vedersi davanti un povero cristo di quel genere a sòr Andò scappò detto: “E da do’ scappi fòra tu?! Chji vede a tte, pare che a ‘stu munnu c’è la caristìa!” (E da dove esci fuori tu?! Chi vede te pare/pensa che in questo mondo ci sia la carestia). Il muratorino ribatté con una sarcastica rvattuta de cassa: “E chji vede a tte, véllu grassu, pare che ne vène da te la caristìa!” (Chi vede te, bello grasso, pare/pensa provenga da te la carestia!).

 

La terra ai contadini

 

All’inizio del secolo, con il diffondersi delle idee socialiste, c’era lo slogan “la terra ai contadini”. Tra i mezzadri delle nostre campagne si accendeva le speranza di divenire proprietari della terra lavorata, o di poderi più grandi, più idonei ai bisogni familiari. Ma la segreta ambizione cozzava con le nuove idee, si narra infatti che tra due coloni fosse avvenuto il seguente dialogo… “La tèra a li contadì, perdìa! Adèra ora, vasta co’ li patrù’!” (La terra ai contadini, perdinci! Era ora, basta con i padroni!) – “Ma tu pòrbjo ce téni perdaèro? E sse tte ne dà tanda, de tèra, che cce fai?” (Ma tu proprio ci tieni davvero? E se te ne danno molta di terra, cosa te ne fai?) – “Come che cce fàccio?! …Lu pézzu mèjo me lu fadigo da per me, e su quill’atru ce metto lu contadì’ e je fàccio sputà’ sango!” (Come che ne faccio?! …La parte migliore me la lavoro da solo e l’altra parte l’affitto a mezzadria a un contadino e gli faccio sputare sangue!). Vale la pena di ricordare che i contadini ritenevano che il peggior padrone fosse colui che era stato contadino, certificato anche dal volgare proverbio “Lu pègghjo patrò’ adè quillu che se rpulisce lu culu co’ lu stoppàcciu de ll’erba!” (Il peggior padrone è quello che si pulisce il sedere con un ciuffo d’erba!). O ancora, in senso generale, riferito a qualsiasi pidocchio rifatto, “Dio ce ne scambe da la mmèrda che ha montato le scale!”

 

 

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti