La mela rosa gentile

Print Friendly, PDF & Email

 Un appuntamento di “…assaggi di Raci”

a Monte San Martino

 

Si è tenuta a Monte San Martino la rassegna “Saperi e sapori della mela rosa”, un incontro per riscoprire questa antica coltivazione, per conoscere di questo frutto tipico le qualità organolettiche, le proprietà nutrizionali e la sua duttilità alimentare. Avete mai assaggiato i “ravioli alla mela rosa”? Gli involtini di carne con la mela rosa? Il roast-beef di carne bovina di razza marchigiana in salsa di mela rosa e vino cotto di Loro Piceno? Abbandonata tra gli anni Sessanta e Settanta del ‘900, la coltivazione della Mela Rosa marchigiana o dei Monti Sibillini è ripresa da poco più di un decennio grazie a imprenditori agricoli di Monte San Martino. Oggi abbiamo 5000 piante di Mela Rosa o della varietà “Mela Rosa gentile”, per una produzione annua da 1.500 quintali che, grazie a un microclima favorevole, hanno caratteristiche organolettiche davvero uniche. E’ stata una iniziativa del Consorzio di tutela e della Provincia di Macerata che ha inserito la rassegna tra gli incontri di “…assaggi di Raci”.

 

A 1 persona piace questo articolo.

Commenti

commenti