Rimpiantu

Print Friendly, PDF & Email

di Arcangelo Caracini

 

Si senza core, non me voi più be’;

non sei più tu,non sei, quillu d’allora

tutti li velli sogni se svapora

li sogni che facìo, poretta me!

 

Eppure quanto bene ce volemo;

per te Ninetta tua c’era sortanto…

recordete, recordete se quanto

jetro la porta suli descorremo.

 

Me tormentavi per carpì un vascittu…

quill’era amore! …chi l’avesse dittu!

Vulisti lu retrattu per vasciallu…

stutai la luma e po’ ccusai lu ventu

e me cchiappai per forza a tradimentu,

quello che me facìi… bruttu vassallu!

 

Io, tonta, dubitatu non ho mai..!

Non te recordi quanno me pregai

de li capigli mia p’avè un ciuffittu?

Vulisti e te lu ditti un ricciulittu,

sur core lu tinii, ner portafojo

e me dicii : Ah ! quantu bè te vojo!

 

Tutto finì; tutto è mutato adesso;

ogghj pre sempio, quante me n’hi ditte!

urlenno da paré comm’un ossesso,

certe mproperie che non fu mai scritte!

 

E poi perché? per un capigliu appena

che ccapitò su la minestra a cena…

quasci me l’hi tirata in faccia, quasci…

Era un capigliu mia, un filu d’oro!

 

Che s’era prima, che sa quanti vasci…

M’arristi dittu: Grazie, si un tesoro!

 

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti