Lu cannò

Print Friendly, PDF & Email

 

Quilli de la Pénna, che statìa sempre in guerra co’ quilli de lu Guardu, saputo che era statu ‘mmendatu lu cannò, je pijia la vòjia de fallu, pe’ vègne ‘a guerra. Ditto e fatto: pijja un sammucu, lu rpulisce perbène, lu tègne de niro, lu prepara e lu carca; tutti rradunati èllo vicino pe’ gustasse mèjjo la scena… e spara. Lu cannò scoppiò e quilli che statìa ello vicino tutti marsagrati. Tra quilli che se lamendava e quilli che se disperava, scappa fori unu tuttu entusiastu che llucca: “Se ècco ha fatto ‘stu macéllu, penzate ‘m po’ che arrà fatto llà!”

 

 

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti