Peppe & Gustì e la née

Print Friendly, PDF & Email

La chjacchjerata de le lenguacce de la verità

 

Peppe: “Sindi, adè tre orde de seguitu che fa le bufere de née e qui non se ne pole più!”

Gustì: “Scì, va vè’, ma è tembi sua”.

Peppe: “Vulìo dì’ che non se ne pole più no de la née, ma de tutte le polemiche condro ‘ssa pora Amministraziò’! E che è corpa sua se nevica?”

Gustì: “Non è corpa sua se la née vène jò e se pusa per tera… adè che issi, dopo che s’è pusata, no’ la lèa!”

Peppe: “Scusa eh, non pretennerai che Carangì vene jò davandi a casa tua co’ la pala?”

Gustì: “No, certo, ma era mejo Meschini, te lu recordi co’ la ruspa jò a Villa Potenza? Ecco, adesso co’ ‘lla ruspetta ce putìa fa’ commidu!”

Peppe: “Adè che la jende mò non se ‘condenda più de cosa, vòle sta’ tutti calli dentro casa co’ lu Sindacu che fa tutto… amicu mia, la Giunta mica è pagata pe’ spalà’ la née!”

Gustì: “Appunto, se invece era pagata pe’ spalà’ la née pijava un tando a jornata, passate le bufere java via, ce costava de meno e facìa meno danni!”

Peppe: “Danni? E che danni sta a ffa’ quissi? Dimme tu se che danni ha fatto! Finora, puritti, non ha fatto cosa! Pò’ avé’ fatto li danni?”

Gustì: “L’immobilismo adè lu dannu più grossu!”

Peppe: “Ma che stai a dì’? Me se si ghjtu dicenne fino adesso che la née immobile per tera te dà fastidiu, se quissi sta immobili… non te sta vè’?”

Gustì: “No’ me sta vène no! Perché la née, prima o dopo, se squaja immece quissi chi ti li squaja!… l’unica cosa è che se la squajesse da suli ma non me pare aria.”

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti