Seppie e scarciòfini in porchetta

Print Friendly, PDF & Email

Tratto da “Le ricette di Ermete”

 

Sta pe’ rrià’ ‘n’andra orda Magghiu e con issu la festa de la cucina nostrana co’ li viselli e li scarciòfini spusati co’ la seppia.

A quilli che l’ha ‘nvendata ce sarìa da sbattejie le mà’.

Dico: ma ce penzi quello che significa pe’ quella vistiola l’inghiostro che jé serve pe’ fermà’ li nimmichi sua?

Ce penzi che grazie a quell’inghiostro noandri putìmo cucinà’ e magnà’ la seppia co’ li scarciòfini?

 

 

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti