Pe’ fa cariera

Print Friendly, PDF & Email

di Giovanni Ciurciola

 

Tandi li modi se vo’ fatte strada:

Prima de tutto, quillu de studià’;

ma te pòli pijà’ anghe ‘na frecata

e se va vè’ c’è sembre da penà’

 

e te ce vo’ furtuna… ma se vali,

co’ la pacienza poli vinì’ a galla

e avé’ rajo’ de tutti quandi i mali!

La strada pe’ ‘rrigà’ poli scordalla

 

ma hai da passà’ sopre a la morale:

cuscì se nasce fémmena te tocca

e ci-hai dendro la zucca ‘m bo’ de sale,

basta sta’ attende a chi dai la gnocca!

 

Se masci omu e voli fatte avandi

a lu teatru o a la televisciò’

e pe’ datte ‘na spenda non ci-hai sandi,

lassa perde’ li studi de ‘na ‘o’

 

perché ammò ci sta tutta ‘n’andra moda

che ha scapordato tutte quelle vecchje

e se non probbio rmané’ in coda

fa fenda… che te pizzica le recchje:

 

Esse’ checca ‘na ‘o’ era ‘ndecenza,

‘na cosa da non falla sapé’ mai,

adesso ‘mmece, ci-ha la precedenza:

“Sciàcquete ahò – te dice – io so’ gai!”

 

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti