Nessuno

Print Friendly, PDF & Email

di Adriano Accorsi

 

Pascolavano su prati

avvelenati e diventavano

sempre più malvagi.

 

L’avidità li teneva prigionieri

su quei prati. Nessuno

li poteva liberare.

 

A 2 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti