Peppe & Gustì

Print Friendly, PDF & Email

La chjacchjerata de le lenguacce de la verità

 

Peppe: “Certo che ‘st’Amministraziò’ co’ lo sporte ce va poco d’accordu…”.

Gustì: “Perché dici quesso?”

Peppe: “Eh, guarda tu la faccenna de la piscina… è ‘na fava che non se còce e quanno ha proàto a còcese… embè, s’è striminzita tutta!”

Gustì: “Embè, che voli… in tembi de crisi ci sta da stregne ‘n bo’ tutto e qui ha ristretto la piscina!”

Peppe: “Sarrà come dici tu… ma allora de lu palasporte? Che me dici?”

Gustì: “E che voli che te dica…”.

Peppe: “Visto? Ci sta poco da dì! Ha fatto tandi proclami, tandi progetti… lu ‘llarghimo de qua, lu strignimo de là, lu ‘llunghimo de sopre… ce mittimo più seje… e tutto adè rmasto come stava!”

Gustì: “Eh, puritti, co’ ‘sta crisi (oh, sembre essa!) che duvìa da fa’?”

Peppe: “Che duvìa da fa’? Sindi cosu… me l’ha ditto lu fornà’ che duvìa da fa’…”.

Gustì: “Lu fornà’? E che t’ha ditto lu fornà’?”

Peppe: “M’ha cunfidato un progettu: quissi, secondo issu, duvìa rrimbì’ lu palazzittu de lievitu, cuscì… je se gonfiava e diventava a norma!”

Gustì: “Ma che te ce devo mannà’?”

Peppe: “A me no, ma a quissi ce l’ha mannati la prisidende de la Maceratese!”

Gustì: “Ma che me dici?”

Peppe: “Eh, poretta, s’è stufata! Ha fatto tando pe’ rportà’ la jende llà lu stadiu e… non po’ bboccà’ le machine su lu parcheggiu, je chiude drendo li tifosi come fusse li lioni…”.

Gustì: “Sarà pe’ la sicurezza…”.

Peppe: “De chj? L’ospiti vène in 20, li vidi tu? Do’ sta? Che fa? Chj è?”

 

 

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti