Lu cinsimendu

Print Friendly, PDF & Email

di Fabrizio Giorgi

censimento-cemento

 

“Che dici “Erode” lu farà ‘ssu cinsimendu?”

“ Mah visto che ce ‘rimette quilli co’ li sordi a me me sa de none!”

“Intando pe’ fa bella figura ha ‘rmiso inseme le seconde case co’ quilli che fatiga, cuscì ha ghjustificato la vocciatura dell’aumendu dell’Imu!”

“Che vurristi di’?”

“Se facesse li controlli viri magari se putrìa scuprì che quarchiduno adè in otto in famija co’ ‘na casa ‘ntestata ‘gni unu! Sai comme adè: un cuntu adè la risidenza ‘n’ardru do’ cche veramende campi tutti li jorni! Immece ci-ha misso de menzo anghe chi, co’ ‘stu macellu, jé la fa angora a fatigà’: l’attività che pruduce! Ammò, se vole fa’ chjude anghe ‘ssi pochi ‘rmasti… ardro che “Echità sociale”!”

“ Cuscì nuandri simo sembre li stessi da vend’anni e c’imo rdoppiu de le case e’na metà de li negozi!”

“Ammò capiscio perchè Piddì e Piddièlle no’ l’ha vulutu ‘ssu cinsimendu: se putìa scuprì l’ardaritti e putìa anghe succede che quarchjdù, ghjenno a scuficchià’ là l’Ufficiu Tennicu e facenno dui più dui, scuprisse anghe certe delivvere e autorizzaziò’… Cuscì pe’ scappassene ha misso ‘nseme ‘r diaùlu e l’acqua sanda!”

“L’hi capito ‘ssi cervelli fini? Se vulìa pure ‘nvendà la “Commisciò de ‘nchjesta” e eccote ‘n’ardra ‘ngulata comme quelle de lu Parlamendu: spinnìmo, spinnìmo, cuscì se sparte ‘n’ardri po’ de sordi nostri e non se scopre gnende! E a la fine l’Imu, per de più, pe’ chi ci-ha tande case, no’ l’ha missa… (sbaglienno) e quilla pe’ li negozi no’ l’ha sbassata… (sbaglienno): ma quanno ce pija quissi?”

“Ma che te so! E ammò che facimo? Come jè facimo spartì’ le du’ cose?”

“Tirènno fora li furcù’ e le pale e jènno tutti su piazza davanti a lu Cumune!”

“Ma lassù adè tutte ciotte: che ce facimo co’ la pala e lu forcò’?”

“No’ l’hi capito? Le usimo su lu culu de li pulitici, cuscì pole esse che smòe le chjappe e fa quarcosa de vono!”

“Va vè‘! Indando vaco ghjò lu notaju e metto la casa a nome de nipotimu, jé ce faccio portà’ la risidenza che paghimo meno Imu”.

“Lo sapìo… non c’è gnende da fa’! Adè come fa’ a cappellate co’ …li picciù’!”

 

A 2 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti