La satira di Cisirino

Print Friendly, PDF & Email

cisirino 

Lo vangà’ e lo zappà’

 

Li vecchi nostri zappava jènne verso avanti

e, immece, vangava caminènne a parte arrète.

Ogghj li guai nostri adè cuscì grossi e tanti,

fra tasse, imu, minzina più cara e vuà lo sapete

 

che lo campà de ‘gni ghjornu è tuttu ‘n piantu.

Ditto quesso, amicu mia caru, tu certo capirai

che in Italia ogghi non putimo faccene un vantu

se co’ Monti vanghimo sempre… e non zappimo mai!

 

Lu pinzionamendu

 

Da quanno so’ doventatu pinzionatu

l’unicu passatempu, vellu e divertende,

adè che a scrìe le puisie me so’ didicatu,

cosa che facìo anghj precedendemende.

 

Mò, però, la faccenna è piu divertende

perché, e da lo rride c’è da sganasciasse,

quessa adè l’uneca cosa veramente

ndò Monti non cè po’… mette le tasse!

 

La crocera pé’ Monti

 

L’italiani vòle fa’ a Monti un vellu pensieru

pe’ rengraziàllu de tuttu lu misfattu

e lu mezzu ch’adè sembratu più viritieru,

sci, insomma, lu regalu più vellu e adattu

 

adè stato de uffrijie ‘na vella e longa crocera

che ghirèsse per tuttu quantu lu munnu sanu

e tutti ha vuluto che da la matina a la sera

su la varca scìa solo Schettino a fa’… lu capitanu!

 

Le privisiò’ de Monti

 

Monti ha ditto: “Manco pe’ un clistere

ci avrà più li sordi la sanità statale!”

Ce poco da fa’! Ce vò’ tandu sedere

o a èsse’ furtunati de no’ sta’ tando male.

 

Ma se ce ‘mmalimo rmanìmo frecati,

non ci-aìmo scampu né un confortu:

o ce curimo co’ ll’erbe, comme l’antenati,

o l’uneca cura sarrà… la cassa da mortu!

 

La pertecara

 

Strascinata da le vacche, forti e pazienti,

capòta la tera perché dopo lu curdivatore,

fatti li surghi, a sfaju, ce spanne le somenti

pe’ rcoje’ lu fruttu de ‘stu laoru e de sudore.

 

Monti, immece, no’ ha laoràto né somentato:

ha sgutato per bène de li puritti le saccocce

e lu fruttu, ch’adè statu tandu, l’ha ‘doprato

perché li signori condinuèsse a fa’ bisbocce.

 

Scì, ‘zomma, a li puritti l’ha pelati vène

e all’onorevoli e a quill’atri che ‘ncassa mijoni

tra stipendi e liquidazioni, no’ j’ha dato pene

tanto da cambà’ veati e sinza preoccupazioni!

Lo magnà’ e lu telegiornale

 

Te mitti a sedé’, pé’ pijà’ un moccecotto,

e guardi un tantinellu de telegiornale.

Dice solo de furti, de morti, de pjiati sotto,

da chi mbriachi guidava porbio male.

 

Lo magnà de traèrso quasci te se mette.

Se po’ parla de li segretari de li partiti

che s’ha frecato tutto, anghi, le mujichette,

sinza che l’addri capucciù’ de ‘sti partiti

 

se ‘ccorghièsse de gnente. Quann’è finito,

cò’ tutte ‘sse popò de nutizie nere e ghjalle

immece de fatte dijirì’ quello ‘gnuttito

te fa solamende ghjrà’… ‘mber po’ le palle!

 

Lu scarciòfinu e Monti

 

Lu scarciofinu ha poteri medicinali

de protegghje lu feticu e l’intistinu.

Ma de la storia è ghjtu sull’annali

perché ‘n console romanu, prisintinu,

 

cummattìa, pé’ vegne la vattajia,

come se leèsse le fojie una per una.

Anche Monti, e non ce se sbaja,

ha siguito ‘ssa via, con gran furtuna,

 

mettènne le tasse piano, piano, piano,

‘nzomma, comme dì’ a goccia a goccia

ci ha lassato sinza gnente in mano

e ce l‘ha fatta pijà a tutti… jò ‘n saccoccia!

 

Che adè li parassiti?

 

Lu professore de scienze m’ha spiegato

comm’adè li parassiti. Porcaccia l’ùa!

Ha ditto: “Quanno ‘na pianta ha radecato

su ‘n’antra, e campa solo a spese sua

 

succhienneje la linfa, adè ‘na parassita.

Insomma se unu non fatiga, non fa cosa,

e campa sinza fa porbio gnente su la vita

e quarcun’antru je deve da da’ ‘gnì cosa

 

quillu adè un parassita porbio, veramente.”

Dimanno: “Ma ndò se stroa?” “E’ notorio-

risponne issu- lu gruppo più ‘mponente

è quillu de Roma, che sta a Montecitorio!”

 

 

Lo magnà’ de Natale e Capudannu

 

A Natale e Capodanno lo magnà adè più ‘vvonnante

e, che ‘ò’, quanno la digestiò ‘ncomenza a daje sotto,

pole scappà cuscì, sinza volè’ e sinza stanne a fà tante

de scaricasse lu stommicu… sparenne ù scoregghiotto.

 

Dice: “Non adè dilicato e adè porbio maleducazio’!”

Sci va vè! Ma è certo mejo, pprufittà pè’ livverasse

prima che, dato che quessa è stata ‘n’esagerazio’,

a Monti je vène penzato, pè ‘ncassà’, de mettece le tasse!

 

 

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti