Tares a cmq anziché a capoccia

Print Friendly, PDF & Email

Discorso notturno su facebook

tares

 

Cesare: “Ladri, ma pijatevela ‘nterculo! Abito solo, a casa ci sto poco, quando ci sto non produco rifiuti. Tares €. 566 per il 2013. Metto fuori del mio portone un sacchetto di differenziata a settimana, l’umido non so cosa sia, non so cucinare e la frutta non la mangio, quattro sacchetti al mese, ogni sacchetto mi costa 11,79 euro, per avere in cambio cosa? Niente, solo vivere in un paese del niente! Perché paga meno chi vive in dieci in 50 mq di chi vive da solo in 200? Un’altra legge a cazzo? Vi faccio la differenziata? Dentro i sacchetti ve ce metto l’uranio impoverito, il plutonio, per quello che me frega!”

Eugenio: “A Cè che ce vuoi fà siamo in Italia e bisogna pur mantenerli quei succhia sangue peggio di vampiri dei politici che ci sono a Montecitorio”.

Lucio: “Tutto giusto, però la frutta dovresti mangiarla”.

Eugenio: “Quoto!!!”

Vittorio: “Condivido Cesare, ho pensato tante volte la stessa cosa… con la differenza che io sto a San Ginesio saltuariamente e quindi non mi combino mai con i giorni… (giallo lunedì, blu mercoledì e così via…) perciò un sabato mattina al mese, porto quei 2/3 sacchetti diretta-mente al centro di raccolta”.

Giorgia: “Il bilancio si sana così: in “comune”… siamo o no una comunità?”

Vittorio: “Patrizia, domani fatti una passeggiata in via Piave… poi ti renderai conto che c’è la comunità di serie A e quella di serie B (B di Beirut, sembra proprio una strada di Beirut dopo un bombardamento israeliano…)”.

Cesare: “L’elenco delle vie ginesine martoriate dalle bombe al fosforo è lungo Vittò”.

Cesare D.: “Facce dentro ‘na puzza Cè…”.

Cesare: “E come faccio? Non magno!”

Bruno: “O Cè, ma si capito male, ‘ssa tassa esso vor dì’ Tassa Rmasti e Simili, non ce rrentra cosa co’ la monnezza, tant’è vero che Montecitorio no’ la paga, sennò ddo li struìmo li sòrdi pe’ pagà’ li rifiuti che c’ìmo misso, aooo lì adè pieno!”

Cesare: “Brù, c’hai rajò, rajò piena!”

Fernando: “Cesare pensa… e ppo’ fatighi pure pe’ differenzialla!!! Li pòzzino…”.

Cesare: “Non fadigo più, butto jò come capita”.

Fernando: “Sta ‘ttendi che mo ce mette li microcippi…”.

Cesare: “Li micro che?”

Fernando: “Li microcippi de c… A Citanò fanno le multe se trovano un sacchetto microcippato fuori posto o fuori giornata e a Recanati vogliono cominciare: ce controlla la monnezza! Ce se so’ fregati pure la privacy…”.

Cesare: “Ma non era mejo quando passava Luciano co’ lu furgo’ Guzzi? se fermava, sonava la trombetta, tu portavi jò lu sicchiu, Luciano lu svotava dentro lu casso’, te rdava lu sicchiu votu, tu salutavi, issu salutava e… fine! …fra mpo’ ce mette pure la targa sulle chiappe, come le maghene, pe’ facce le murde”.

Fernando: “A Macerata c’era la Diatto che dopo avé scaricato la monnezza jò lu scarcalacciu je dava ‘na bella sciacquata e era pronta per caricà’ li frichi che stava in colonia a Villa Ciccolini: mai ricordatu un casu de tifo!”

Cesare: “Guarda, m’hi leato le parole da la vocca, che nuartri, jò lu scaricu de San Gninesci, c’imo jocato pe’ ‘na quindicina d’anni e per magnà’ manco ce laàmo le ma’… mai stati male!”

Fernando: “Eh, altri tempi, altra monnezza…”.

Cesare: “Adesso li frichì’ la monnezza no’ la tocca più e sta sempre a lettu co’ la febbre: che sia cambiata la monnezza?”

Fernando: “Sì, è piena di conservanti, che fa male pe’ la salute nostra e fa bene pe’ le saccocce dell’altri”.

Cesare: “Ma perché le saccocce che sta vè’ è sempre quelle dell’artri?”

Fernando: “Sta vè’ perché è sempre piene, magari no de salute ma de sòrdi scì”.

Cesare: “Secondo me schiatta anche de salute…”.

Fernando: “Magari no, però ci-ha li sòrdi pe’ curasse. E’ un giru farzu: se non ce mette li conservanti non se ‘mmala ma non ci-ha li sòrdi, ce li mette, se ‘mmala e se finisce li sòrdi pe’ curasse! Allora? E’ mejo a non avécce li sòrdi ma a sta’ bene de salute… un par de scarpe nòve e poi girà’ tutto er munno cantava Nino Manfredi”.

Cesare: “Ma pure a sta bè’ ma senza ‘na lira… però c’è da ‘ccontentasse, ringrazimo Dio”.

Fernando: “…se la Madonna ce fa la grazia…”.

Cesare: “…ce la fa, ce la fa, ce lo meritìmo”.

Fernando: “Eh Cè, che pazienza che cce vòle co’ ‘ssa jende! ma do va, prima o poi va tutti a fa’ la tera pe’ lo cece!”

Roberto ha postato un video con la vecchia pubblicità del Cynar contro il logorio della vita moderna scrivendo: “Cesare, non ci pensare…”.

Tamara: “Va vène tutto quello che ‘éte ditto… ma de che ve lamentete? Almeno a vojaltri ve la vene a pijà sotto casa! e io che duvrio dì, che devo fa un chilometru e mezzo a ji, e n’ardru a rvinì? E me ce s’è ‘bbozzata pure la machina, pija ‘n’accidenti, che quarcuno ha storto lu palittu co l’annunci mortuari che sta lì vicino a li bidoni e io non ce lo sapìo, co’ lo fa’ manovra, che ce n’avìa missu ‘n’ardru de traverso lu comune per tenè quillu che non se tinìa più, e quanno so’ jita per girà’, de notte, che de matina non se sa mai se fai in tempo pe’ le 8 e mezze sennò fai un viaggiu a vòto e te la devi rportà pure a casa la monnezza, l’ho cchiappatu in pienu, hè??”

Cesare: “Tamà,vedi? La vita è penata per tutti, quasci per tutti, e me dispiace tanto pe’ la maghena tua, te mannirìo Luciano co lu furgò’ Guzzi, te virrìa sotto casa, quando voi tu, non duvristi più pensà’ a cosa ma… s’è ‘nvecchiatu e non pò fa li viaggi lunghi.Ma guarda tu se se deve penà’ e spenne pure pe’ la monnezza che se quissi scienziati tira troppo la corda la jente la monnezza la tira a greppi!”

Tamara: “E infatti, mica tutti è stupidi come me: butta jò come vène, quarcuno la lascia pure da ‘na parte de la strada”.

Cesare: “E fa vè’…”.

Fabrizio: “Al mio paese, la tares è sul n° delle persone e in parte per la grandezza della casa: cosa hai, un castello?”

Fernando: “Da noi è diverso, paga la casa, le persone non contano un tubetto. I nostri politici sono furbi… fanno costruire le case, sono più case che persone, e l’immondizia si paga a cmq e non a testa! Cui prodest?”

 

A 6 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti