Sta’ tranquillo Vincè

Print Friendly, PDF & Email

di Angelo Cristallini

sta-tranquillo-vince

 

Vincè ad Antò da un pezzo

jé chiedea

li sòrdi che da lu’

s’era prestato;

ma quello duro,

no’ je li dacéa

facendoje da tonto

e da scordato.

 

Passa ‘n’andra mesata

e sempre Antò

la porta pé le longhe

e tròa scuse

finché Vincè, un bel giorno

l’affrontò

con le speranze ormai

quasi deluse.

 

Quéi sòrdi, allora,

me li voli rdà?

C’era quasi cagnara ormai

fra il duo,

quanno Vincè

se sente assicurà’

 

dicennoje cuscì,

l’amico suo:

– ‘Sti giorni, ci ho ‘n’affare

fra le mà’,

e il primo buscio che ce tappo

è ‘l tuo!”

 

A 9 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti