Li vécchj

Print Friendly, PDF & Email

di Enrico Ricciardi

li-vecchi 

Li vécchj da nisciù vè’ cargulati,

che quanno parla, pocu se capisce,

perché lo vécchjo spissu rimbambisce

e tutti cerca de staje scostati.

 

Chj ci-ha lu sindimendu se ‘vvilisce,

perché da tutti vène ‘bbandonati

e quanno rpenza a li tembi passati,

le lagreme sull’occhj je ‘pparisce.

 

Da giovini fu bélli e de possanza,

era rivusti, con bell’aspéttu,

pjni de vita, de forza e de speranza.

 

Immece mo è guardati con sospéttu

e vè’ tinuti a ‘na certa distanza

e se te parla l’hai quasci a dispettu.

 

Se sòna a mortu (è chjaro cume un spécchju)

chj è morti? Ma nisciuna… un vecchju.

 

A 10 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti