Lu fischiu de le ‘recchie

Print Friendly, PDF & Email

di Vincenzo Belli

 lu-fischio-de-le-recchie

Dajje, percrista! Oh fresca, che sarrà

che mme fischia le ‘recchie. eh Nazzarè?

Chi vorrà èsse’ che dirrà de me?

Me piacirìa a sintì se che dirrà.

 

Se me vò’ male, tò, pozza schiattà’!

ma s’è ‘n amicu che mme vòle vè’,

pozza… Mo che ce penzo, sa’ chi edè?

quissu è certo ‘llu pupu de Pasquà.

 

E’ issi, fijju: non ce cridi tu?

e sci, ‘ché ‘stu settembre me prestò

dodici scuti e no’ l’ha rvisti più.

 

Che dirra? che dirrà ‘llu tordolo’?

comme lu tratterà l’amicu su’?

Oh! sa’ ch’edè? lascimo fischià ‘n po’!

 

A 9 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti