La zucca gialla

Print Friendly, PDF & Email

a cura di Cinzia Zanconi

p 18 zucca gialla 1 

L’immaginario corre immediatamente alla zucca di Halloween o a quella della favola di Cenerentola. Col nome di zucca gialla ci si riferisce ai frutti di piante di origine americana appartenenti alla famiglia delle Cucurbitaceae, come la Cucurbita maxima, una pianta erbacea annuale dal fusto rampicante, foglie cuoriformi lobate, grandi fiori gialli con 5 petali e voluminosi frutti rotondi, a superficie liscia o rugosa di colore verde, grigio, giallo o arancione, con polpa di colore giallo o arancione. La zucca è sempre stata considerata una verdura povera e anche il suo prezzo riflette la fama del vegetale. Sarà per la facilità di coltivazione, o per la resa, che è veramente notevole, o ancora perché da una grossa zucca, togliendo i semi e facendoli seccare, se ne possono in media ricavare altre 500/600, questa verdura non è mai passata veramente di moda, ma è rimasta una discreta presenza, mai troppo eclatante, sulle mense padane. Le massaie da sempre hanno cucinato il risotto alla zucca, i tortelli, gli gnocchi, le passate, e altro ancora. Hanno messo la zucca nel minestrone, negli umidi e, spesso, ne hanno fatto del-le composte e marmellate. La parte commestibile di una zucca arriva all’80%, e in media contiene ferro, sodio, molto potassio, fosforo, vitamine B1, B2, PP, A e C; ha anche molto calcio e, assolutamente, zero colesterolo. È quindi una versura indicata per chi desidera una dieta ricca di fibre e di sali minerali, nonché ipocalorica. Infatti 100 grammi di zucca contengono solamente 15 calorie.

 

Il risotto di zucca gialla

p 18 risotto con la zucca gialla

 

Ingredienti per 6 persone:

450 gr. di riso; 400 gr. di polpa di zucca gialla; 100 gr. di burro; olio extravergine d’oliva; 1 cipolla media; parmigiano grattugiato; sale, prezzemolo; 1,5 lt. di brodo vegetale preparato con: 1 cipolla di medie dimensioni; 1 gambo di sedano; 1 carota; 1 patata e 2 chiodi di garofano.

 

Preparazione:

Accendete il forno e fatelo scaldare a 180°, quindi tagliate la zucca a fettine o a dadini e fatela ammorbidire in forno in modo da farle perdere tutta l’acqua. Una volta espletata questa operazione imbiondite la cipolla tagliata a fettine sottili in 50 gr. di burro e, prima che prenda colore, aggiungetevi la polpa di zucca e fate soffriggere per un minuto. Unite quindi il riso e aggiungete uno o due mestoli di brodo come per fare il risotto. Una volta assorbito il brodo aggiungetene altro e portate in questo modo a termine la cottura. Quando il riso sarà quasi pronto, aggiungete del parmigiano e i restanti 50 gr. di burro, girate e lasciate riposare per 3 o 4 minuti. Servite il riso con una spolverata di parmigiano e qualche fogliolina di prezzemolo per guarnire il piatto.

 

 

Vellutata di zucca gialla

p 18 vellutata di zucca al torrone

 

Ingredienti:

800 g di zucca gialla; 1 litro di brodo vegetale; 4 cucchiai di panna; 1 cipolla; 1 spicchio d’aglio; 30 gr torrone; noce moscata; sale e pepe.

 

Preparazione:

Versate il brodo in una pentola, portate a bollore, aggiungete la zucca tagliata a grandi pezzi, la cipolla tritata e l’aglio. Coprite e cuocete per trenta minuti. Scolate la zucca e tenete da parte il brodo. Frullate la zucca fino a ottenere una crema vellutata e se occorre ammorbidite il composto aggiungendo gradualmente un po’ del brodo di cottura. Versate il frullato in una casseruola, fate scaldare, regolate il sale e profumate con un pizzico di noce moscata. Versate in singole ciotole, guarnite con un giro di panna a filo, briciole di torrone e un pizzico di pepe fresco.

 

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti