Dopo lu sposaliziu

Print Friendly, PDF & Email

‘Bbè, Rò, comme te senti stamatina?

Se no’ mme sbajjo, stai de cera vona.

Ah, ridi? ma rispunni, virbacciona…

Scì, scì fàttala ‘n po’ ‘ssa risatina.

 

Co’ vent’anni, scì e no sopre la schina,

eh! t’ài rrajó de rdamme la minchiona;

passò llu tempu, io mo so’ ‘na vecchiona

e tu scì lu fringuello che squinquina.

 

Pacienza Rusì! tant’anni agghjetro

ero ‘na joenottona pure io

che sposai ‘lla bon’ànama de Pietro.

 

Quante me ne dicìa, lu fusti ‘ntisu!

e che bbasci! …e che bbè che je vulìo,

che pòzza sta mill’anni in paradisu!

26 novembre 2017

A 7 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti