Cronache Mesopotamiche: “Andata e ritorno lungo il fiume”

Print Friendly, PDF & Email

Perché mi appassiona tanto la storia di questa terra, di cui vedo la rovina ma dalle finestre della mia comoda casa? Perché niente, in questa regione plurale, può stare in piedi da solo, e le storie sono come le casette nei paesi, tanto attaccate e incastrate l’una nell’altra che non puoi ripararne una senza ripararle tutte.

 

50 anni dopo l’anno Mille

Nel cielo di Saturno, nel Paradiso, i beati appaiono a Dante come un numero infinito di luci che salgono e scendono una scala di cui non si vede la fine. Una di loro gli si accosta, e gli parla della predestinazione, che è imperscrutabile persino ai beati, quindi Dante cosa pretende, e biasima aspramente la vita molle dei grassi prelati moderni. Lui, Pier Damiani, era vissuto nell’inospitale eremo di Fonte Avellana, sul monte Catria, più in alto delle tonanti nubi temporalesche, contento di pochissimo e dedito alla sua biblioteca. Il tutto accadeva più o meno cinquant’anni dopo l’anno Mille.

 

Le comunità eremitiche

Nell’alta valle del Fiastrone le testimonianze di comunità eremitiche sono numerosissime. E una delle più importanti fu quella di San Salvatore di Rio Sacro, ad Acquacanina. I monaci che molto prima dell’anno Mille decisero di andare a vivere in una valle stretta, popolata, come ancora oggi, da cinghiali, aquile e lupi, animati da spirito eroico e da fede salda (come avrebbero potuto, altrimenti?), resero fertili le pendici di quei monti fino a più di 1700 metri di altitudine. Lì, ci racconta Pier Damiani quando ci passò, visse un Firmano (di Fermo, naturalmente). Siamo forse nel 970. Di quell’eremo non rimane quasi traccia: intorno al 1200, forse, i monaci si trasferirono nell’abbazia di Santa Maria di Meriggio di Acquacanina. Il mondo è piccolissimo e la Mesopotamia è un francobollo di terra nel quale tutte le storie si intersecano…

 

Firmano

Sul mare, tra un fiume (il Potenza) e una città romana in rovina da secoli (Potentia), si estendono fertili pianure dominate, nel primo medioevo, da abbazie lontane: Ravenna, Farfa, Montecassino… e una nobildonna di Montelupone fermamente decide, intorno al Mille, di fondare un’abbazia, biglietto d’ingresso per il Paradiso, e fermamente vuole Firmano, che nicchia, perché fa l’eremita e vorrebbe continuare così. Non abbiamo la certezza che i due Firmani coincidano. La tentazione è forte, però. Ci piacerebbe annodare le due vite, e vedere nel monaco, forzato alla vita comunitaria sulla sponda dell’Adriatico, ostinato a vivere come un eremita anche in mezzo alla gente, l’adolescente che abbracciò il sacerdozio in una remota valle appenninica.

 

Firmano come i vecchi di Acquacanina

E mi immagino la faccia del Firmano quarantenne (l’età in cui morì) che scruta il mare e pensa alle sue montagne, alle aquile, alla luce trasparente di lassù, e la immagino come la faccia dei vecchi che da Acquacanina sono stati portati nel campeggio alla foce del Potenza, e pure loro (e non solo loro, ma anche i giovani) non vedono l’ora di tornarsene a casa. Da Meriggio a Potentia, da Acquacanina e Fiastra a Porto Recanati: non è predestinazione inconoscibile, è la magia della Mesopotamia, sono le strade lungo il fiume che vogliono così. Intanto qualcosa si sta muovendo, piano.

 

Fiastra

A Fiastra le case provvisorie sono state quasi tutte ultimate (per favore smettiamola di chiamarle “casette”, non stiamo giocando con le barbie). Alcuni esercizi sono riaperti all’interno di container. Per la ricostruzione bisogna aspettare: sta partendo quella leggera, mentre per quella pesante, che riguarda gli edifici con gravi problemi strutturali, bisognerà attendere gli esiti della microzonazione, cioè dello studio geologico. Ci vorranno mesi, purtroppo. Mesi in cui dobbiamo continuare a ripetere che non c’è ricostruzione senza la ricostituzione delle comunità, che hanno bisogno di strade, scuole, lavoro ma anche di una storia comune della quale sentirsi partecipi.

 

Le foto

Nella foto in alto si scorge l’abbazia di Santa Maria di Meriggio; non pubblico macerie, quindi non mostro la casa distrutta del prete; però mostro la profonda ferita dell’abside, restaurata un anno e mezzo fa dopo il terremoto del ’97, quando ho visto la crepa, una uguale mi si è formata nella pancia. Nelle altre foto, la lunetta sopra il portale dell’abbazia di S. Firmano di Montelupone. Il marmo è quello di una statua di epoca romana, la cui parte retrostante è visibile dall’interno della chiesa.

21 dicembre 2017

 

A 6 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti