Tommaso Massini, classe 2001, entra all’80° e dopo 3 minuti fa gol!

Print Friendly, PDF & Email

“Ho stoppato il pallone e calciato di collo sul palo più lontano. Quando la palla è entrata mi è quasi mancato il fiato e a momenti non sapevo come esultare”.

C’è tutta la freschezza di un adolescente e traspare ancora l’emozione nelle parole di Tommaso Massini, il nuovo golden boy dell’Helvia Recina. Un baby calciatore classe 2001 “preso” dalla sorellina Junior Macerata che domenica ha segnato la sua prima rete con la squadra dei grandi e in uno stadio prestigioso come l’Helvia Recina.

 

Il gol

Massini aveva già debuttato un mese fa a Colli del Tronto con l’Azzurra, domenica ha fatto il suo ingresso in campo all’80’ schierato da mister Ermanno Carassai esterno alto a destra. Dopo appena 3 minuti ha trovato il bersaglio grosso, il quarto gol nel cappotto rifilato alla Pinturetta Falcor. Non solo, poi ha anche fornito l’assist per la quinta rete a firma di Di Crescenzo.

 

L’intervista

Studente di Ragioneria, Massini è stato impiegato in più ruoli durante la crescita calcistica, partendo addirittura terzino sinistro nel vivaio della Maceratese. È stato Alessandro Giorgi della Junior Macerata a farlo avanzare.

Giorgio Gianferro ti ha impiegato anche da punta spalle alla porta…

“Sì -risponde Tommaso- e mi sono adattato senza problemi”.

Ma tu ti reputi un…

“Io mi sento una mezzala”.

Tuo padre, fotoamatore di livello, che ti ha detto domenica sera? Ha immortalato la rete?

“In realtà non era presente alla partita perché non pensavo di giocare e gli avevo detto di venire dopo ai Pini per la Juniores…”.

Certo che nel reparto offensivo dell’Helvia hai compagni di grandi qualità, dal top scorer Ramadori a Mastrojanni, da Di Crescenzo al fresco di debutto Marcoaldi fino ad uno degli under più interessanti, il ’98 Perrella…

“Sì, ho tutte persone da cui posso apprendere parecchio”.

Il tuo idolo invece qual è?

“Arturo Vidal. Penso che ho qualche caratteristica simile alla sua”.

Cosa sogni per il tuo futuro?

“Vorrei diventare un calciatore professionista”.

8 febbraio 2018

 

 

 

A 7 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti