Sisma, 117 milioni di euro per 238 chiese del maceratese

Print Friendly, PDF & Email

Dopo l’approvazione, avvenuta nei giorni scorsi, dei lavori relativi al recupero della Chiesa dei Santi Vito e Patrizio di Chiesanuova e dell’avvio del procedimento amministrativo per l’approvazione definitiva del progetto relativo al recupero della bellissima Chiesa di San Michele nel centro storico, c’è soddisfazione, da parte dell’Amministrazione comunale e delle Autorità ecclesiastiche locali, per l’inclusione – in questo secondo piano dei beni culturali (che prevede 391 interventi) – dei lavori di restauro e recupero di tutte le Chiese più importanti dal punto di vista del culto. Si tratta di interventi che consentono il ripristino del notevole patrimonio culturale contenuto nelle 10 ulteriori Chiese di Treia inserite nell’emananda Ordinanza di finanziamento per 175 milioni per le chiese delle Marche.

 

Via libera ai finanziamenti

Il via libera ai finanziamenti ieri, nella cabina di regia presieduta dalla Commissaria straordinaria per la ricostruzione, Paola De Micheli, alla quale ha partecipato il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli insieme con i rappresentanti delle altre Regioni del centro Italia coinvolte dagli eventi sismici, dopo che i Vescovi e i Sindaci degli altri comuni e il Sindaco di Treia Franco Capponi avevano dato il loro parere o che avevano provveduto, come fatto dal Comune di Treia, a integrare o richiedere modifiche al Piano finanziario degli interventi.

 

117 milioni di euro per 238 chiese del maceratese

Duecentotrentotto le chiese di Macerata inserite nel piano con un finanziamento da 117 milioni e 500 mila euro, dieci quelle di Treia per un valore degli interventi complessivo di tutti gli stralci vicino ai 5 milioni di euro.

Una misura molto importante ribadisce il Sindaco Franco Capponi per il Comune di Treia che consente di ridare alle comunità i segni distintivi della loro storia e di conservare e valorizzare l’importante patrimonio culturale presente nel proprio territorio. Le Chiese sono, non solo punti di riferimento identitari e di integrazione, ma anche mete turistiche per chi sceglie di scoprire i tesori d’arte marchigiani.

 

Ricostruzione privata a Treia

La soddisfazione del Sindaco, che spesso ha criticato l’impostazione della ricostruzione, si associa anche al graduale sviluppo della ricostruzione privata, che vede in fase di avvio lavori su circa 30 cantieri, mentre per circa un centinaio di ulteriori interventi leggeri è stata avviata la procedura di approvazione dei progetti.

 

Il nuovo polo scolastico

A questi interventi e alla realizzazione del nuovo polo scolastico treiese, con finanziamento di circa 8 milioni di euro, a giorni dovrebbero aggiungersi quelli relativi agli interventi di recupero e miglioramento sismico del Santuario del Santissimo Crocifisso, del Palazzo comunale e del polo scolastico di Passo di Treia per un ulteriore finanziamento complessivo di circa 10 milioni di euro.

16 febbraio 2018

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti