• Prassi

Vuoi associarti?

Poesia in dialetto montegiorgese su “Li trucchi”… de le dònne

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicata nel n° 236 de “La rucola”, scritta dall’arguto poeta ‘Ntunì de Tavarró
trucchi

Non era vèlla ma era naturale

e non ci stava un cà’ che je jàa appresso;

liscia de nànti a rrèto tutta uguale

che ‘nze capìa lo dritto a lo riérso.

 

La matre, che la ‘gnuttìa tanto male,

cercàa a dàsse da fa’, ancora se juda,

la ténse tantu tempu jó lu mare.

N’è ghito a cósa a fàjala ‘edé’ nuda.

 

Ce soffre che nisciù je dà ‘mportanza;

la manna in gniru, la porta in paese…

ma visto ormà’ che non ci sta speranza

par che ha diciso de facce le spese.

 

Ghià fatto un pettu e quanno ha tribbulato!

Comme prufilu non pare più quillu;

ma lo sa éssa quanto ‘i ha costato

tra làstoco, le fibbie e funnicillu.

 

S’ha fatto le ‘ance rosce, l’occhi niri,

la vita stretta; addè cìa ‘n’atra stima.

Li merli che ce vutta li suspiri,

non se recorda ch’è quella de prima.

 

L’èra lasciata sempre incarcolata;

però li trucchi è tutto ne la vita;

je corre appresso mó ch’è mmascarata,

nisciù ce java quanno era pulita.

 

Pure lu patre par che s’è cunvintu

d’èsse’ truccati vène, quanto jùa;

però a vedélla co’ lu musu tintu

che vòta gne pare che è la sua!

9 marzo 2018

 

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

Statistiche

  • 4.239.368