Dialetto maceratese con finale a sorpresa: “Lu latru de gajine!”

Print Friendly, PDF & Email

Nicò de Peretta, lu contadì de la marchesa,

‘na matina presto lassò pèrde tuttu lu laoru,

jette disperatu e fugatu, fugatu, su la chjesa

e co’ lu curatu détte sfogu, sinza alcun decòru,

 

a tutta la stizza ‘ccumulata e désse: “Sentate

jeri notte un fiju de ‘na granne zzoccolóna,

derèto casa, sette velle gajine m’ha frecate!

e so’ sicuru che ‘stu disgraziatu è de la zona”.

 

Lu prète respose: “Tu domenica a la messa

portete un grossu sassu e, prima, me lu dai”.

Issu, pur se la cosa je parìa non fosse messa

ne lu modu mjiore e che putìa procurà guai

 

se fidò. Lu prete, finita de fa’ la celebrazio’,

desse: “Un omu, in una scura notte passata,

latru, ha fregato, sinza gnisciuna divozio’

le gajine: io saccio chi ha fatto la mmasciata

 

e ammò ve lu innico, tirenno ‘na mattonata,

porbio all’autore de lu fattu. Un por’omittu

che statìa a sedé’ davanti vicino la varconata

dell’artare, se rizzò, de vottu, svertu, drittu

 

e scappò via, come un lepre, fugatu, fugatu.

“Ammò ‘éte capito chi adè lu dilinquente,

– désse, ridenne có tuttu lu core, lu curatu –

ce l’ha ditto anche se io non sapìo gnente!”

17 marzo 2018

A 13 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti