C’è lingua migliore del dialetto per fare satira cittadina? “La navetta”

Print Friendly, PDF & Email

Madonna se ssì vellu, Carangì,

drendo la navetta co’ l’assessori,

jiri pe’ la città da li jardì

po’ rbòcchi, ‘na svordata e scappi fòri.

 

Condrolli le fermate co’ criteriu;

Tribunale Staziò e Cimiteru,

Ospedale, Cairoli e Sfiristeriu

e ccali cuntendu a còr leggeru.

 

E ppo’ lestu co’ tutta la vrigata,

piji l’aperitivu nazionale,

‘ntando la città s’adè sgutata,

non la cerca nisciù, e gnènde vale.

 

Addro che li pupitti e la curdura,

li vuttecà mmò chiude, ce se sà,

se seguita cuscì, agghjo paura

che se ne scappa pure San Gnulià!

24 marzo 2017

 

A 11 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti