Due “cantate” in dialetto maceratese su “La finestra chiusa”

Print Friendly, PDF & Email

Ancora nei primi del Novecento si usava intonare un canto sotto la finestra della innamorata, nella speranza che quella finestra si aprisse e che da essa arrivasse un messaggio di speranza…

 

Cantata 1, “La finestra chiusa” di anonimo

Fiore dell’olmo

per le vellezze tue

io sto penànno

non ce repòso

notte e jiorno.

‘Ffàccete a la fenèstra

se ce sei,

dàmme ‘n bicchié d’acqua

se ce l’hai,

se non me lo vòi dà’

patrona sei,

patrona del mio còr

sembre sarài.

 

Cantata 2, “La finestra chiusa” di anonimo

Passa e rpassa

la fenèstra è chjusa,

vedé’ non pòzzo

la mi’ fidanzata;

domànno a la vicina

se l’ha veduta,

me dice che sta a letto

‘ch’è ‘mmalata.

25 marzo 2018

 

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti