Egidio Del Bianco e Silvio Craia “L’ala di San Giuliano”

Print Friendly, PDF & Email

San Giuliano e l’arte della pinturetta, un binomio ormai consolidato da anni grazie alla passione per le tradizioni del Centro Italiano Femminile san Giuliano di Macerata (Cif) e la creatività di artisti maceratesi.

 

L’ala di San Giuliano

Quest’anno, in occasione delle festività patronali,  la città si arricchisce di una nuova installazione artistica collocata nella piazza di Santa Croce a ridosso dello spazio verde vicino all’Asur. È stata realizzata dallo scultore Luigi Del Bianco, mentre l’installazione è di Silvio Craia. Raffigura l’ala del Santo Giuliano l’ospitaliere, patrono della città, che ascende al cielo. La cerimonia di scoprimento della nuova pinturetta si terrà giovedì 23 agosto alle 17:30 nella piazza di Santa Croce.

 

Le 13 pinturette

Con l’Ala del Santo sono 13 le pinturette, o edicole sacre, presenti in città realizzate a cura del CIF.

“Un’idea nata nel 2005 per onorare il nostro patrono lasciando un segno tangibile in città della devozione dei maceratesi”, racconta Luciana Monachesi del Centro Italiano Femminile. Sono state firmate da artisti come Umberto Peschi e Egidio Del Bianco (2004 – quartiere Pace), Sandro Piermarini (2005 -Villa Potenza), Agostino Cartuccia (2006 – viale Diomede Pantaleoni), Carlo Bruzzesi (2007 – Atrio Comune piazza Libertà), Silvio Craia (2008 – parco Villa Cozza), Vittorio Amadio (2009 Fonte le Vergini), Guido Veroi e Silvio Craia (2010 – via Panfilo), Egidio Del Bianco (2012 – Piaggia dell’Erta), Salvatore D’Addario ( 2013 – vicolo del Casarino), Silvio Craia (2015 – piazzale Peschi), Valeri (2016 – Collevario), Egidio Del Bianco (2017 – Corneto).

Donate alla città dal Centro Italiano femminile costituiscono un itinerario interessante attraverso una espressione devozionale che appartiene alla nostra antica tradizione rurale.

22 agosto 2018

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti