Serrapetrona: le opere d’arte del territorio sono… tutte a casa!

Print Friendly, PDF & Email

Una premessa alla cronaca della inaugurazione avvenuta a Serrapetrona della mostra “Il Bello…della ricostruzione. L’arte salvata si mostra”. Tutti i Sindaci dei Comuni colpiti dal sisma sono dei “Numeri Uno” per tutto quanto hanno fatto e stanno facendo per i loro cittadini ma, per noi de “La rucola”, il Sindaco di Serrapetrona Silvia Pinzi è la prima dei “Numeri Uno”.

Perché ha portato a compimento quello che da tempo suggeriamo dopo i disastri apportati dal terremoto: tutte le opere d’arte di ogni singolo paese dovrebbero essere riunite in un unico luogo (dello stesso Comune di provenienza) per essere protette, conservate e divenire una realtà museale fruibile dai visitatori e motivo di spinta per l’economia locale del turismo. Infatti le piccole chiese sperdute, che a volte racchiudono splendidi capolavori dei secoli passati, sono da sempre facile preda dei ladri e spesso non visitabili. Ci auguriamo che l’esempio di Serrapetrona, anche se per ora è solo una mostra temporanea in attesa del restauro delle chiese terremotate, venga seguito da altri Comuni. 

 

La cronaca

La chiesa di Santa Maria di Piazza non è riuscita a contenere le numerose persone intervenute sabato pomeriggio al taglio del nastro della mostra. Le 26 opere recuperate dal sisma del 2016, resteranno esposte fino a quando le chiese delle frazioni del territorio comunale non torneranno di nuovo agibili. Inoltre ieri, dopo 21 anni, molti cittadini di Serrapetrona sono potuti rientrare nella chiesa di Santa Maria, chiusa a seguito del sisma del 1997 e interessata in questi anni dai restauri. Un doppio evento importante e al tempo stesso simbolico: da un piccolo comune del cratere, nasce una iniziativa di ripartenza.

 

Cerimonia inaugurale

Il progetto, il cui coordinamento scientifico è stato curato dalla Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio delle Marche, ha visto la collaborazione di numerosi Enti. Durante la cerimonia inaugurale, aperta con un video che ha ripercorso il lungo lavoro del salvataggio, avvenuto anche a cavallo delle forti scosse del 26 e 30 ottobre 2016, il Sindaco Silvia Pinzi ha voluto ringraziare tutti i soggetti coinvolti, tra cui la Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata, l’Amministrazione comunale, il Consiglio Comunale e tutti i dipendenti del Comune di Serrapetrona, che con sacrificio e amore per il proprio paese, hanno lavorato insieme al progetto.

 

Interventi delle personalità presenti

Per la Regione Marche è intervenuto l’Assessore alla Protezione Civile Angelo Sciapichetti, che ha sottolineato il valore dell’iniziativa.

SE Mons. Francesco Brugnaro, Vescovo Emerito dell’Arcidiocesi di Camerino San Severino Marche, prima dell’inaugurazione ha benedetto l’esposizione, ricordando nel suo intervento quei giorni del sisma in cui, anche se non si sapeva bene la destinazione da dare alle opere messe in salvo, il desiderio forte era quello di recuperarle tutte. Mons. Brugnaro ha evidenziato la spiritualità che le opere d’arte trasmettono, oltre il loro valore devozionale e storico artistico.

Barbara Mastrocola, direttrice dei musei dell’Arcidiocesi di Camerino-San Severino Marche, ha sottolineato che questa è la prima inaugurazione di una raccolta di opere salvate dal sisma nel maceratese e che presto ne verranno altre. L’Arcidiocesi ha messo in sicurezza oltre 5 mila oggetti sacri che torneranno a essere fruiti dai cittadini.

Anche il funzionario della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio delle Marche, lo storico dell’arte Pierluigi Moriconi, ha evidenziato i momenti del salvataggio delle opere, citando il lavoro dei Carabinieri del Nucleo Tutela Beni Culturali e dei Vigili del Fuoco, insieme a quello suo, di Mons. Brugnaro, della Mastrocola e dell’Arch. Luca Maria Cristini, presente in sala.

L’On. Tullio Patassini nei saluti ha riservato grande apprezzamento all’iniziativa, ricordando il grande lavoro ancora da fare per la ricostruzione, che passa anche attraverso la riapertura delle chiese, patrimonio della comunità.

Don Aronne Gubinelli, parroco di Serrapetrona, commosso e felice della restituzione, ha salutato tutti con grande affetto.

Arch. Luca Maria Crisitni

 

Info aperture

Ora, grazie a un accordo stipulato con Unimc, Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo, Facoltà Beni Culturali e Turismo, la Chiesa di Santa Maria di Piazza verrà aperta da un tirocinante dell’Università, tutte le domeniche e i giorni festivi dalle 15,00 alle 19,00 e in altri giorni prenotando al numero del Comune di Serrapetrona 0733 908321.

18 novembre 2018

A 2 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti