Stop alle sanzioni imposte all’Eritrea nel 2009

Print Friendly, PDF & Email

“Esprimo la mia più grande soddisfazione per la recente revoca delle sanzioni all’Eritrea”. Così Mirella Emiliozzi (M5S) interviene in seguito ai recenti sviluppi nel Corno d’Africa. “La risoluzione approvata all’unanimità dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha finalmente posto fine al regime sanzionatorio imposto all’Eritrea nel 2009. Ci sono voluti quasi dieci anni perché si rimediasse a quella che si è rivelata un’accusa senza fondamenti nei confronti dell’Eritrea”. 

 

Più attenzione al Corno d’Africa

“Lo scorso 4 ottobre avevo presentato un’interrogazione proprio per chiedere al nostro Governo se non ritenesse opportuno attivarsi in sede ONU per rimuovere le sanzioni contro l’Eritrea. Anche per questo, non possiamo che accogliere con profonda gioia la risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza. Per il futuro, ci adopereremo affinché la politica estera dell’Italia diventi sempre più attiva e sappia essere avanguardia e protagonista, soprattutto in una regione, quella del Corno d’Africa, che ha profondi legami col nostro Paese. L’impegno è che già nel prossimo futuro l’Italia sappia essere vicina ai popoli del Corno d’Africa, rafforzando tutti i canali diplomatici e attivando tutti gli strumenti di cooperazione necessari”. 

“Sono certa che il nostro Governo saprà farsene carico, così come non ho dubbi sul fatto che il Presidente del Consiglio Conte, il Ministro Moavero e tutti i sottosegretari potranno contare sull’attivo sostegno della Commissione Affari Esteri della Camera di cui sono membro. L’impegno per il Corno d’Africa sarà una priorità di questa maggioranza e del Governo del Cambiamento”.

1 dicembre 2018

A 6 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti