Mimì sintì, su lu cummunicatu… “Le previsió de lu tempu”

Print Friendly, PDF & Email

Mimì sintì, su lu cummunicatu,

che ‘vvisava la jente de sta’ ‘ccorta;

dicìa: domà c’è tempu perturbatu

e venerà lo piòe che ve se porta.

 

Issu, che menzu quintu era fienato

e crede tutto quello che se dice,

‘mmucchiò lo fié che non s’era seccato

e jette a casa co’ la fargiatrice.

 

Benché sinza li nnuvili né lampi,

rmittì la robba che ci-aìa su l’ara

e per guidà la piema jó li campi

‘ttaccò le ‘acche co’ la pertecara.

 

Fece li surghi cupi ‘nze sa quanto

per fa’ dacquà le chioppe de fascioli

ch’è quilli che a Mimì je piace tanto

benché je dà fastiju a li ‘ntrioli.

 

Lo grà’ ghià je cacciava ‘che spichetta

ci-aìa paura che se java a male

e preparò la parma venedetta

per poté scugnurà lu temporale.

 

Ma dopo ch’era tutto preparato

co’ lo guardà per aria se vinìa,

ce rmanì male ch’era fatigato

perché lu tempu ‘ncora relucìa.

 

Se se rennuvilava era contentu,

de sistemasse tutto, era finito,

tanto lu duvìa fa lu cambiamentu

che co’ le recchie sue l’era sintito.

 

Però vesogna ‘ntenne le parole,

che lì Mimì no’ gne le capì chiare,

perché lu jornu dopo c’era un sole

che ce cantava pure le cecare.

26 dicembre 2018 

A 7 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti