• Spazio pubblicitario disponibile

Vuoi associarti?

Pulitici / ‘settici / visità’ / li terremotati… “Agghjo visto”

Print Friendly, PDF & Email
Poesia in dialetto maceratese di Tóto Fusari pubblicata sul mensile “La rucola” n°248
sisma 2016 visso ph f.pallocchini

Una poesia cruda, disincantata, dopo il disastro gli uomini del potere politico vengono a vedere, forse per rendersi conto, poi passano gli anni e poco o niente avviene…

 

Pulitici

‘settici

visità’

li terremotati

spaesati

e parlà’

comme dischi ‘ngandati,

a ripetizió’,

de ricostruzió’

dàte pé’ ffatte

da somme stanziate;

promesse

(se ‘ccètta scommesse)

che tutto rfàtto sarà

comme prima

più de prima.

Quel che ddicìa

da mó se sapìa:

copiato e ‘ngollato

da disastri

passati

ma rmasti.

Pé’ lu ricorènde,

ripitùtu tremòtu,

parlava al presende

de gnènde…

quasci ormai trapassatu remòtu,

mmischjènnoce ghjó

futuri sembrici de ricostruzió’

futuri ‘nderiori de realizzazió’.

Parlà’ non costa,

da Roma

a pposta

se sposta

pé’ ddà’ ‘na resposta

a chj ‘n zilenziu

col dolore

la casa

l’ha chiesta,

smorciàti nel côre

‘ttappati d’amore.

Quilli più calli

adè prondi

a ffà’ ‘n-culu

mannàlli

ma sull’ecu

de culi.. uli… uli,

loro

la faccia ce mette e rimanna:

“Non ve lasseremo suli..!”

… suli…

… pé’ ssèculi

seculorum

àmmenne.

Tóto Fusari

19 marzo 2019

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

Statistiche

  • 4.876.035