• Spazio pubblicitario disponibile

Vuoi associarti?

Notizie vere, curiose e divertenti… “Sincerità”

Print Friendly, PDF & Email
Raccontino tratto dalla raccolta “Dicerie popolari marchigiane” di Claudio Principi
rapporto-di-coppia

Una vecchia madre era molto preoccupata per una figlia sposata, a motivo delle sue continue gravidanze. Ogni anno la donna partoriva un figlio ed era giunta ad averne 6. Tra le due donne un giorno avvenne il seguente dialogo: “Fija mia, ma che diàmmana! …E mmica sì ‘na cunìlla: unu derèto a ‘n atru, ssuscì no’ refiàti e te ruvini!” (Figlia mia, ma che diamine! …E mica sei una coniglia: uno dietro l’altro, così non riprendi fiato e ti rovini!). – “O mà, ch’àgghjo da fa’? Je pòzzo dì’ de no, a ‘llu diàscuciu de marìtumu?” (O mamma, che devo fare? Gli posso dire di no a quel diavolo di mio marito?). – “De no, no’ gne lo dì’; però, a un gèrtu pundu, fija, fatte arrèto…” (Di no, non glielo dire; però a un certo punto, figlia, fatti indietro…). “O mà, se quillu è lu moméndo che mme gusta a ffamme più annandi, come faccio a ffamme arrèto?” (O mamma, se quello è il momento in cui mi piace farmi più avanti, come faccio a tirarmi indietro?).

10 aprile 2019

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

Statistiche

  • 4.873.665