Matera, una mostra trait d’union con Fermo attraverso l’arte

Print Friendly, PDF & Email

Prosegue a Matera, capitale europea della cultura, nel museo “La casa di Ortega”, fino al 5 maggio, la mostra d’arte curata dall’Associazione Ex Allievi dell’Istituto Statale d’Arte “U. Preziotti” di Fermo presieduta da Paolo Landi, con il sostegno del Comune di Fermo. Opere scultoree, pittoriche e grafiche testimoniano dunque, il trait d’union artistico-culturale tra Matera e Fermo, un’apertura verso ciò che l’arte può comunicare e trasmettere a ognuno di noi, un contenuto irripetibile e personale caratterizzato dalla disponibilità e dall’accoglienza da parte del fruitore di un contenuto esperienzale e denso di senso. L’opera d’arte implica sempre una volontà di comunicazione di uno stato d’animo, che prende a significare solo con l’intervento del fruitore, è una soggettività che comunica ad un’altra soggettività; nell’arte non ci sono regole secondo cui ognuno è obbligato a riconoscere qualcosa, l’arte coinvolge e il soggetto è in grado di proporre la sua interpretazione.

Tra i partecipanti a questa mostra d’arte, Lucia Spagnuolo, con l’opera “La bellezza delle Marche”, un omaggio alla sua terra d’adozione.

In questa opera d’arte, le macchie di uno stesso colore entrano in reciproco rapporto costituendo l’insieme del tutto, non c’è una copia dell’originale, della realtà, ma la natura stessa viene trasmutata, per assumere una nuova forma, elaborata con creatività; le forme riescono a conferire al quadro una sorta di armonia che concilia la profondità della visione che questa artista ha per i fenomeni naturali.

L’armonia dei colori dell’opera di Lucia Spagnuolo esprimono il suo soggettivismo, le sue emozioni, le sue passioni e i suoi sentimenti nei confronti di una terra che pur non essendo quella d’origine, l’ha accolta offrendosi alla sua arte in tutta la sua bellezza e in tutta la sua ricchezza.

Questa opera non va contemplata perché è essa stessa ad afferrare lo spettatore coinvolgendolo interamente con il cuore e con l’intelletto; in questo quadro si entra e se ne coglie il significato, perché visione, comprensione e significato agiscono contemporaneamente. La Casa di Ortega è aperta tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle 10 alle 14. Dal 19 aprile al 5 maggio, in occasione delle festività pasquali e dei ponti di Primavera, sarà aperta tutti i giorni (inclusi i lunedì) dalle 10 alle 19.

23 aprile 2019

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti