• Spazio pubblicitario disponibile

Vuoi associarti?

De fianco all’arco de Porta Mercato… “Fra tante palle…”

Print Friendly, PDF & Email
Poesia dialettale di Goffredo Giachini pubblicata sul mensile “La rucola” n° 75
sferisterio-e-mondo-di-peschi-ph-la-rucola

De fianco all’arco de Porta Mercato

c’imo ‘na palla de fèro zincato.

Pe’ ffà ‘ssa palla cuscì rifinita

pare che Peschi ci-ha misto ‘na vita.

“Ma lète –me rispose lu scurdore-

ci-avrò ‘mpiegatu scì e no, 24’ore…

‘na passata de mattu, ‘na penzata,

e la pallocca fu bella e scodellata.”

Da principio fu ‘llocata su a Pollenza,

ma de ‘ssa cosa se putìa fa senza?

Ogghj l’Arena gghjà bella e cojona

pòle fa ‘nguidia finende a Verona.

Chi passa avandi a quess’opera d’arte

je se confonne le prese e le carte,

chi la mintùa “lu gnomu de lana”

chi se la ‘mmàjna come ‘n’andra fontana

de quillu tempu filice e più bellu

‘ndò governava lu scinnicu Otellu…

Ammò ci-ha mistu u’ sgrizzu su mmezzu

e a paragò la pallocca adè un palazzu.

‘Ssu munumentu fattu a màja rada

te càmmia ‘ntrecciu, come càmmi strada,

adè la palla certo più ‘mportante

de ‘na contrada ‘ndo’ le palle è tante.

Perché jò “le Casette” se guardate

c’è ‘na proènna de palle ‘lluminate,

quessa non ci-ha la luce, ce lo saccio,

ma vrilla come fusse un focaracciu…

varde de luce sua, sinza corente,

ma adè bella suscì, fatta de gnente.

Varde de luce sua, adè un portentu,

ma adè bella suscì, pijna de ventu…

Goffredo Giachini

2 maggio 2019

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

Statistiche

  • 4.876.033