Macerata, esibizione della Banda dei Carabinieri allo Sferisterio

Print Friendly, PDF & Email

Cresce l’attesa per l’arrivo della Banda dell’Arma dei Carabinieri che sarà in città domani, giovedì 5 settembre, per esibirsi sul palco dello Sferisterio davanti al pubblico maceratese che ha risposto con grande partecipazione all’evento.

Sarà un momento istituzionale, di comunità e artistico, come ha avuto modo di definirlo il sindaco Romano Carancini attivo promotore dell’iniziativa voluta per festeggiare i 190 anni dello Sferisterio inaugurato proprio il 5 settembre del 1920.

 

Prima la sfilata, poi il concerto

Tutto pieno lo Sferisterio per il concerto che avrà inizio alle 21. I biglietti gratuiti, infatti, sono andati a ruba in poco tempo. Ma la città avrà comunque modo di apprezzare i brani e l’impatto scenografico del Corpo militare bandistico composto da 102 elementi e diretto dal maestro colonnello Massimo Martinelli. Alle 19:30 la banda si radunerà in corso Cairoli, all’altezza dell’incrocio con via Severini, e inizierà la sfilata verso lo Sferisterio che per l’occasione si vestirà con il tricolore. All’altezza della rotatoria di piazza Nazario Sauro, ci sarà l’omaggio all’Arena con l’esibizione di alcuni brani. Alle 21 poi l’atteso concerto sul palco dello storico teatro all’aperto.

Considerato l’alto numero di richieste per assistere all’esibizione che stanno ancora oggi arrivando, l’Amministrazione comunale rivolge l’invito a tutti coloro che hanno preso il biglietto nei giorni scorsi e che per qualsiasi motivo non potranno più essere presenti alla serata, di restituire il tagliando alla Biglietteria dei Teatri dando così la possibilità agli altri di poter partecipare.

 

Modifiche traffico e sosta

Con l’intento di far vivere alla città questo momento di festa nella massima sicurezza, il Comando di  Polizia locale ha emanato un’ordinanza per la regolamentazione temporanea del traffico e della sosta, misure che saranno garantite anche grazie alla collaborazione del Comando dei Carabinieri.

Queste le disposizioni.

Divieto di sosta con rimozione forzata:

in corso Cairoli dalle 17:30 alle 20 (e comunque fino al termine della manifestazione)

in viale Diomede Pantaleoni, sull’area di carico e scarico adiacente l’emiciclo dello Sferisterio

sulle altre aree limitrofe indicate dalla segnaletica stradale.

Chiusura al traffico veicolare:

in C.so Cairoli dalle ore 19 alle 20:00 circa con la seguente regolamentazione:

divieto di transito in corso Cairoli, con apposizione di segnaletica e interdizione al traffico veicolare alle intersezioni con via Beniamino Gigli/via Pancalducci, piazza N. Sauro, via Severini, via Carducci, vicolo Orfanelle, via delle Moje, via della Nana;

– senso vietato, con sbarramento posto sulla corsia in uscita dall’intersezione della rotatoria tra Via Pancalducci e Via Braccialarghe, in direzione Corso Cairoli;

deviazione del traffico sul percorso: Via Pancalducci – Via Braccialarghe – Via San Francesco – Via Mattei (i veicoli diretti in centro e al quartiere Pace saranno indirizzati sul percorso via Mattei – via Tucci – via Mameli – v.le Trieste);

– divieto di transito in Via Severini, eccetto residenti

– direzione obbligatoria a destra all’intersezione tra via Pancalducci e Via Beniamino Gigli, valido per i veicoli provenienti da quest’ultima via; per i veicoli che, provenienti da via Aleandri, si immettono in Via Severini;

– direzione obbligatoria diritto in via Pancalducci, a scendere, in prossimità dell’intersezione con Via Severini;

-direzione obbligatoria a sinistra all’intersezione tra via Severini e via Pancalducci, valido per i veicoli in uscita da via Severini;

– direzione obbligatoria a destra verso viale Diomede Pantaleoni, valido per i veicoli provenienti da via Maffeo Pantaleoni, con delimitazione di corsia con coni segnaletici e relativo preavviso.

 

La storia della Banda

Nata nel 1820, quando per la prima volta il Corpo dei Carabinieri Reali inserì nel suo organico un nucleo di trombettieri, tale formazione fu trasformata poi in Fanfara nel 1862 e nel 1920 assunse una fisionomia più ampia e la denominazione di Banda Musicale dell’Arma dei Carabinieri.

Dal luglio del 2000 dirige il complesso musicale il maestro Massimo Martinelli. Diplomatosi al Conservatorio di S. Cecilia di Roma, in Composizione, Direzione d’Orchestra, Musica Corale e Direzione di Coro, Pianoforte e Strumentazione per Banda, il Maestro Martinelli ha ricoperto prestigiosi incarichi in Bande di altri corpi militari, è autore di musica corale e per banda e ha diretto la banda dei carabinieri negli ultimi anni nei più importanti teatri d’Italia e all’estero.

La banda si è esibita alla presenza del papa Karol Woytila durante la prima visita ufficiale di un pontefice alla Camera dei Deputati nel 2001, poi in Giappone, in Cina alla presenza dei Presidenti del Consiglio italiano e cinese in occasione delle manifestazioni per l’Anno dell’Italia in Cina del 2006, al Musikschau der Nationen di Brema, negli Stati Uniti, a Mosca e in Argentina.
Con i suoi 102 orchestrali selezionati attraverso concorsi pubblici, la Banda Musicale dell’Arma dei Carabinieri costituisce una complessa struttura in grado d’interpretare composizioni celebri e più rare che vanno dalle tradizionali trascrizioni del repertorio orchestrale a brani originali per banda. Il suo ricchissimo repertorio va dalle tradizionali marce militari ai brani classici e moderni. Nelle sale da concerto, nei teatri, alla radio e alla televisione, in qualsiasi luogo si esibisca, la Banda raccoglie consensi e ottiene il plauso dei critici più severi e i suoi concerti sono sempre molto seguiti dal pubblico soprattutto in Italia, a conferma della simpatia e del legame degli italiani con l’Arma dei Carabinieri.

4 settembre 2019

A 7 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti