Giornate del Fai: visitare Camerino col caschetto in testa

Print Friendly, PDF & Email

Camerino si prepara alle Giornate del Fai d’autunno, una bella novità voluta per rendere accessibili i tesori della città nel fine settimana (sabato 12 e domenica 13 ottobre).

 

Visita in bus elettrico gratuito

Un weekend unico e irrepetibile in cui si consolida anche la preziosa collaborazione tra Comune e Contram. Quest’ultima metterà, infatti, a disposizione il primo bus elettrico della Regione Marche per accompagnare i visitatori nei diversi luoghi della città. Verrà offerto un servizio di bus navetta elettrica gratuito con tanto di guida turistica a bordo sabato dalle 15 alle 18:30 e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14:30 alle 18:30.

 

Le fermate

Fermate: Via Le Mosse (terminal bus Contram), Via Ottaviani (SottocorteVillage), Piazza dei Costanti (sezione Archivio di Stato di Camerino), Piazza Cavour, Via Macario Muzio (chiesa del Seminario), Piazzale della Vittoria (Rocca del Borgia), Viale Giacomo Leopardi (Orto Botanico).

 

Gli studenti ciceroni

Per l’occasione, vestiranno gli abiti di Ciceroni i giovani studenti dei Licei che saranno delle guide d’eccezione nella zona rossa della città (affiancati dai tecnici), eccezionalmente riaperta per consentire la visita del centro storico dove saranno installati dei pannelli degli interni degli edifici, precedenti al sisma del 2016.

 

In visita col caschetto

Per l’accesso in zona rossa il punto di ritrovo per il pubblico sarà piazza Cavour, dove verrà allestito un banco di benvenuto e fornito un caschetto da indossare all’interno della zona rossa. Il Comune autorizzerà l’ingresso nell’area solo ed esclusivamente ai visitatori muniti di carta d’identità e dopo la firma di una apposita liberatoria. Verranno quindi formati gruppi da circa 15/20.  Visitabile anche l’Orto botanico “Carmela Cortini” dell’Università di Camerino, l’Archivio storico: luoghi segnati dal sisma ma comunque fruibili in parte in un percorso multimediale ad hoc che permettedi perpetuare all’infinito la millenaria storia della città camerte, che neppure il tragico evento sismico può cancellare. Completa il tour camerinese la visita della splendida Rocca d’Ajello, proprietà privata conuno splendido giardino, riservata agli iscritti FAI (con possibilità di tesserarsi in loco).

10 ottobre 2019

A 4 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti