Il mendicante cieco ma intuitivo e i due canonici a passeggio

Print Friendly, PDF & Email

Un cieco sta seduto sui gradini più bassi di una chiesa ed è lì per chiedere la elemosina ai passanti. Sentendo due uomini avvicinarsi, drizza le orecchie e sente che parlano fitto fitto e con calore di laute cene e dei vari cibi prelibati serviti in quelle cene.

Il cieco allora si rivolge a loro dicendo: “Sòri cannònici, faciàte la carità, so’ um bòru cécu e ‘llu car’Iddio ve ne rennerà mmeritu!” (Signori canonici, fate la carità, sono un povero cieco e il caro Iddio ve ne renderà merito!).

I due passanti, che effettivamente erano due preti, si fermarono interdetti e chiesero: “Virbande, come ffai a chiamàcce cannònici se non ge vidi? Allora non è vviro che ssì cécu!” (Birbante, come fai a chiamarci canonici se non ci vedi? Allora non è vero che non sei cieco!”).

Sicunno li discursi che ffà, io rcapìscio le persó’ – spiegò prontamente il cieco – e vvuatri jéte parlènno de pappate…” (A seconda dei discorsi che fanno io capisco le persone e voialtri andate parlando di mangiate…”).

18 ottobre 2019

A 7 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti