• Spazio pubblicitario disponibile

Vuoi associarti?

Non ce se fonna comme un professore…  “Lu vitrinariu”

Print Friendly, PDF & Email
Poesia dialettale di ‘Ntunì de Tavarrò pubblicata sul mensile “La rucola” n° 255
vitello

Non ce se fonna comme un professore

che l’ammalatu no’ lu lascia mai

perché lu cristià’, se te se mòre,

non ce rpiji ‘na lira, che ne fai?

 

Quillu cura le veschie solamènte

e non ce vo’ che je sta tanto appresso

benché le cose je va malamènte

checcósa ce se po’ rpijà lo stesso.

 

Quanno ci-aìo li vò, prima ce usava,

mó se po’ di’, ‘ché è tanto ch’è stato,

unu magnava poco, no’ rumava,

e me portava lo pelo ‘rrufato.

 

Chiamò lu vitrinariu a visitàllu,

me vòsse dì’, che non c’era paura

lo più me cunsijò de no’ stramallu

de faje lu verò con ‘che puntura.

 

‘Na sera penzò pure de cambiàllu

‘ché per l’aria me stava più sicuru,

e per fallu fa stà’ moccó più callu,

me lu passò de jó, ‘ccanto lu muru.

 

Lu jórnu dopo rvénne lu dottore,

issu ‘gni par de jorni ce rvinìa,

pijò un sparracciu, je sindì li còre,

me disse: “Te cunsijo a dallu via”.

 

Mo non ve saccio dì’ se che figura

quanno che vedde che s’er sbajatu,

perché lu vò che je facìa la cura,

non era mica quillu… era quill’atru!

‘Ntunì de Tavarrò

8 novembre 2019

A 5 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

Statistiche

  • 4.996.519