“La prèscia”, una poesia dialettale di Angelo Cristallini

Print Friendly, PDF & Email

Se tu de prescia devi annà s’un posto / e devi gicce a orario e ripulito, / non pòi lillatte e cerchi ad ogni costo / de fa’ sverdo per èsse rivestito.

Ma co’ la prescia non va sempre liscia; / spesso ce se ‘ntromette quarche cosa, / mentre che te ‘bbottoni la camiscìa, / da lo colletto te va via ‘o vottó’!

Se non è ‘o vottó che te se stacca, / c’è quarcos’altro che te fa sformà; / è ‘a stringa de ‘na scarpa a fa ‘a vijacca!

Come tiri, te rmane su le mà! / Pacienza! ‘N’accidente che te spacca! / Quesse so’ cose che te fa ‘rrabbià!

Angelo Cristallini

25 febbraio 2020

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti