Poesia sul gatto: “Lo gatto”… è ladro, furbo, intelligente

Print Friendly, PDF & Email

Lo gatto è lladro, è furbo, / è ‘ndilligènde, / non te fa tande mosse, / non è un ca’, / non sembre rvène a ccasa / per magnà, / se nno lo peschi / no je freca gnènde.

Dè freddoloso, è ppigro, / è ‘nzofferènde, / ci-ha lo decoro / e ppersonalità, / coda e piedi / non ze fa mae pistà, / se je méni se svòrda, / è pprepotende.

Appena ha visto che, / cco lo progresso, / ll’avanzi de magnà / nuà li ‘nzacchémo / per mìttili a ffa’ mostra / su la via,

 “No mme mmattiscio più”, / ha ditto, “e adesso / no mmagno più li sùrici, / n zo scemo: / strappo li sacchi / e stàco in trattoria”.

Franco Concetti

5 maggio 2020

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti